Le notizie della settimana di Berlino e della Germania in breve (20-26 novembre)

Dalla cronaca, con la firma dell’accordo di coalizione del nuovo governo, all’intervista a Franco Grillini e Filippo Vendemmiati, passando alle mostre e agli eventi da non perdere questa settimana

Tra le notizie della settimana riguardanti Berlino e la Germania, abbiamo fatto un riepilogo di alcune delle più interessanti apparse su Berlino Magazine. Inoltre con le nostre guide abbiamo elencato per voi tutti gli eventi e le mostre da non perdere questa settimana nella capitale. Di seguito potete trovare alcuni degli articoli di questa settimana divisi per categoria.

LE NOTIZIE DELLA SETTIMANA A BERLINO E IN GERMANIA

Germania, firmato l’accordo di coalizione tra socialdemocratici, Verdi e liberali

Mercoledì 24 novembre dopo 59 giorni dalle ultime elezioni la nuova coalizione che guiderà la Germania per 4 anni ha firmato un accordo di coalizione. Dopo dure trattative che sono andate avanti per settimane la cosiddetta ‘coalizione semaforo’ – così definita dai colori associati ai partiti, quindi rosso per l’Spd, giallo per l’Fdp, verde per i Grüne – si è presentata al popolo tedesco ed è pronta a insediarsi al Bundestag. Finisce così, ufficialmente, l’era di Angela Merkel che ha guidato il Paese per 16 anni. Il suo posto verrà preso da Olaf Scholz, leader dell’Spd – partito che ha vinto le ultime elezioni – vice Cancelliere e Ministro delle Finanze per il Governo Merkel.

Ne abbiamo scritto più approfonditamente qui

Germania, il nuovo Governo vuole legalizzare la cannabis

La nuova coalizione di Governo vorrebbe legalizzare la cannabis a scopo ricreativo. È una notizia emersa dai documenti del gruppo di lavoro “Salute e Cura”, cui il Morgenpost ha avuto accesso. “Stiamo presentando la distribuzione controllata della cannabis per adulti per consumo personale in negozi autorizzati”, hanno scritto i negoziatori dei nuovi partiti.

Ne abbiamo scritto più approfonditamente qui

Berlino, i club rispondono alle accuse di essere tra i maggiori Corona Hotspots

L’associazione dei club berlinesi, Berliner Clubcommission, ha rilasciato negli scorsi giorni una dichiarazione per rispondere agli articoli pubblicati recentemente da alcune testate giornalistiche tedesche. Die Tagesschau ha definito i locali notturni berlinesi dei “Corona Hotspots”: luoghi dove le infezioni da Covid-19 si verificano in larga scala e in modo incontrollato. Berliner Clubcommission non ritiene che ci sia una correlazione tra la diffusione dei contagi e la vita dei club, dal momento che gli ingressi sono regolati attraverso la regola del 2G.

Ne abbiamo scritto più approfonditamente qui

Berlino, mercatini di Natale, ristorazione, mezzi pubblici: le nuove restrizioni che entreranno in vigore

Nella mattinata di martedì 23 novembre il Senato di Berlino si è riunito per decidere le nuove restrizioni da introdurre nella capitale, visto il drammatico aumento dei contagi delle ultime settimane. Il Governo cittadino applicherà norme sempre più stringenti per quanto riguarda i non vaccinati che non potranno partecipare a molti eventi o entrare in alcuni locali commerciali. Anche nei luoghi in cui viene adottato il modello 2G sarà obbligatorio indossare una mascherina.

Ne abbiamo scritto più approfonditamente qui

Berlino, sono solo 102 i posti liberi in terapia intensiva

La quarta ondata ha colpito con tutta la sua forza la Germania. I numeri rispetto a contagi, decessi e ricoveri in terapia intensiva non accennano a diminuire e anche a Berlino la situazione diventa, giorno dopo giorno, sempre più drammatica. Secondo gli ultimi dati ufficiali, infatti, nella capitale tedesca sono liberi solamente 102 letti in terapia intensiva pari al 9% della capacità totale.

Ne abbiamo scritto più approfonditamente qui

NOTIZIE DELLA SETTIMANA: STORIE DI BERLINO E DELLA GERMANIA

Franco Grillini e Filippo Vendemmiati: “In Italia c’è ancora molta strada da fare per i diritti della comunità Lgbtq+”

Da pochi giorni si è conclusa  – con uno straordinario successo di pubblico – l’ottava edizione dell’Italian Film Festival. A vincere la rassegna è stato il docufilm “Let’s Kiss. Storia di una rivoluzione gentile” di Filippo Vendemmiati sulla vita e l’attività di Franco Grillini. La stupenda pellicola racconta la decennale lotta di Grillini – fondatore e adesso presidente onorario dell’Arcigay – per i diritti della comunità Lgbtq+ italiana. Noi di Berlino Magazine abbiamo avuto il piacere di intervistarli parlando della pellicola, della loro militanza politica negli anni della Guerra Fredda, della Chiesa cattolica, della recente bocciatura del DDL Zan e di come la ‘rivoluzione gentile’ iniziata da Franco Grillini non sia ancora finita ma abbia comunque raggiunto importanti risultati.

Ne abbiamo scritto più approfonditamente qui

“Cara Berlino, Io me ne vado. Ma non è un addio. Tornerò, ora che so come prenderti”

Ti sembra il caso di entrare così violentemente nella carne della gente? Ti sembra il caso di avermi fatto girare per giorni qui da te senza ombrello perché il vento li spezzava tutti, e senza una meta perché da te è bello perder tempo anche quando si hanno altre cose da fare, sporcarsi di foglie e di fango e mangiare un kebab all’angolo di Revaler Strasse? Non la voglio la droga, no, niente erba, niente coca, niente speed, grazie, ho detto che mangio solo un kebab mentre guardo voi che suonate, pisciate all’aperto e fermate i passanti. Prima o poi mi convinceranno se continuo a fermarmi a lungo qui.

Ne abbiamo scritto più approfonditamente qui

NOTIZIE DELLA SETTIMANA: GLI EVENTI E LE MOSTRE A BERLINO E IN GERMANIA

Al Gropius Bau di Berlino una mostra affronta la violenza e le persecuzioni subite dalla comunità queer

Dal 26 novembre 2021 al 13 marzo 2022, il Gropius Bau di Berlino aprirà le porte alla prima grande mostra dedicata al fotografə di fama internazionale Zanele Muholi. I suoi lavori, che sono riusciti a distinguersi nel mondo della fotografia per la loro eccezionalità, restano un punto di riferimento per la lotta contro le discriminazioni rivolte alla comunità LGBTQ+. Muholi stessə si può considerare un attivista che, attraverso le sue fotografie, affronta temi legati alla violenza e alla persecuzione subite dalla comunità queer, creando allo stesso tempo uno strumento di emancipazione.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by Gropius Bau (@gropiusbau)

Ne abbiamo scritto più approfonditamente qui

A Berlino “Easy Rider Road Show” una mostra che ridefinisce il ruolo della bicicletta nella nostra società

Easy Rider Road Show è la mostra del Märkisches Museum che illustra lo spirito sovversivo della subcultura e la ricerca della libertà attraverso la reinterpretazione del ruolo della bicicletta. La mostra – visitabile fino al 27 marzo – raccoglie sei progetti fotografici, dove i protagonisti della scena sono parte integrante di una subcultura selvaggia e ribelle. Attraverso il potere delle immagini, si evince un legame profondo che intercorre tra l’uomo e la bicicletta.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by André (@andymunich)

Ne abbiamo scritto più approfonditamente qui

A Berlino “Stadt Nach Acht” il più importante evento internazionale dedicato alla nightlife

Stadt Nach Acht è il più importante ciclo di conferenze dedicata alla nightlife a livello internazionale. Quest’anno l’evento assume un’importanza particolare, dato che, in questi due anni di pandemia, il mondo dei club è stato uno dei settori più colpiti. Stadt Nach Acht si svolgerà per tre giorni, da giovedì 25 a sabato 27 novembre in cinque famosissimi locali berlinesi – Holzmarkt, Radialsystem, FitzRoy, Marie-Antoinette e Oyun – che si trovano tutti in Holzmarktstraße.

Ne abbiamo scritto più approfonditamente qui

A Berlino l’emozionante concerto “Lieder der Freundschaft” con gli allievi del Conservatorio di musica turca

Il Konservatoriums für türkische Musik Berlin si esibirà sabato 4 dicembre in un coinvolgente concerto dal titolo Lieder der Freundschaft (Canzoni di Amicizia). Il teatro UfaFabrik di Tempelhof ospiterà i musicisti di origine turca e greca che suoneranno melodie e canti tradizionali. Attraverso gli strumenti tipici di Grecia e Turchia presenteranno il patrimonio musicale della costa egea.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by BTMK (@turkish.music.school.berlin)

Ne abbiamo scritto più approfonditamente qui

NOTIZIE DELLA SETTIMANA: LUOGHI DA VISITARE

Cosa resta delle case occupate di Berlino

È universalmente noto che Berlino sia un terreno fertile per movimenti controculturali di ogni sorta, e che questo sia uno degli aspetti che la rendono così attraente e unica. Uno dei più noti è quello degli “squat”, ovvero l’occupazione di case o aree abbandonate, o non occupate da parte di un singolo o un gruppo di persone, generalmente in maniera illegale. TipBerlin ha raccolto in un articolo le realtà di squatting più famose. Delle 12 menzionate ne sono ancora attive 4. Di queste, sono 3 quelle che hanno residenti.

Ne abbiamo scritto più approfonditamente qui

 

 

Immagine di copertina: Notizie della settimana da PexelsLicenza Pexels

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *