Restrizioni a Berlino, le nuove regole sugli incontri in vigore da questa settimana

A Berlino sono state approvate restrizioni più severe per limitare i contagi da Coronavirus

Come ha annunciato sabato 24 marzo il sindaco Michael Müller (SPD), il governo statale di Berlino ha approvato misure più severe. A partire dal 2 aprile, tra le 21 e le 5 del mattino le persone possono uscire unicamente da sole o con un’altra persona. Durante il giorno, rimane in vigore la regola precedente, che limitava i gruppi a un massimo di cinque persone di due nuclei famigliari. I bambini sotto i 14 anni sono esenti da entrambi i provvedimenti. Rimane valido anche il regolamento che limita le riunioni all’interno delle case a cinque persone di due famiglie. Il sindaco ha inoltre fatto nuovamente appello a tutti i berlinesi affinché facciano un test rapido prima di incontri privati e proteggano se stessi e gli altri indossando la mascherina.

A partire da martedì 6 aprile, le regole sugli incontri sono ancora più restrittive

Durante il giorno, solo i membri di una famiglia più un’altra persona sono autorizzati a incontrarsi (i bambini sotto i 14 anni sono di nuovo esenti) e non è possibile visitare nessuno tra le 21 e le 5 del mattino. Gli asili nido chiudono ancora una volta a partire dall’8 aprile. Come in passato, i lavoratori essenziali e le famiglie monoparentali sono idonei per ottenere l’assistenza infantile di emergenza. Le misure più severe giungono in seguito a una settimana di discussioni tra la cancelliera Angela Merkel e i governi di alcuni Länder, tra cui quello di Berlino, mentre la terza ondata di Coronavirus prende piede. La cancelliera Merkel aveva cercato di concordare misure più severe già durante la riunione tenutasi il 22 marzo, ma la sua proposta era stata respinta dai capi di 16 stati tedeschi. Era stata persino costretta a ritrattare e scusarsi per il tentativo di rendere il primo aprile un giorno di riposo.

Altre restrizioni in vigore a Berlino

Le mascherine FFP2 sono obbligatorie negli spazi chiusi come negozi, biblioteche, ospedali e trasporti pubblici. Per entrare nei negozi – a parte quelli che vendono beni di prima necessità come supermercati, farmacie e drogherie – gli acquirenti devono essere in grado di mostrare un test Covid negativo effettuato lo stesso giorno. Lo stesso vale per i musei. I datori di lavoro devono fornire ai dipendenti l’opportunità di fare un test Covid gratuito due volte a settimana. Devono inoltre permettere agli impiegati di lavorare da casa. L’occupazione degli uffici non può superare il 50% della loro capacità. Per ottenere un taglio di capelli, un trattamento cosmetico o un massaggio, è necessario un test negativo dello stesso giorno. Quest’ultimo è richiesto anche per partecipare agli eventi e raduni al chiuso ancora permessi. Ciò non vale per le manifestazioni e gli eventi organizzati dalle comunità religiose.

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Foto di copertina: ©Pixabay /CC0

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *