Germania, la crisi del mondo del lavoro accelera il crollo di entrate per la Chiesa

Gli introiti che nel 2020 entreranno nelle casse della Chiesa cattolica e protestante, grazie alla Kirchensteuer, subiranno un significativo calo

A causa della crisi causata dalla pandemia da Covid19 la disoccupazione in Germania è in aumento, così come il numero dei lavoratori che sono passati al part-time e che quindi percepiscono uno stipendio inferiore. 
A fare le spese di questo calo salariale vi saranno anche la Chiesa protestante e quella cattolica. Secondo alcune stime gli introiti derivati dalla Kirchensteuer (la ‘tassa ecclesiastica’), che molti lavoratori pagano ogni mese, calcolata sulla base del loro stipendio, caleranno per una cifra che si aggira attorno al miliardo di euro. Secondo i calcoli le perdite registrate da ogni diocesi in Germania andranno dal 4% fino al 13%.

Le perdite del 2020 dopo l’ottima annata registrata nel 2019

Secondo DW le due istituzioni religiose, nel 2019, avevano ricevuto, in tutto, 12.71 miliardi di euro, dei quali 6.76 miliardi erano entrati nelle casse della Chiesa cattolica mentre i restanti 5.95 sono andati alla Chiesa protestante. Nel 2020, invece, il loro guadagno si fermerà ‘solo’ a 11.69 miliardi. In Germania quasi la metà dei 44 milioni di fedeli cattolici o protestanti versano la Kirchensteuer che corrisponde a una cifra compresa tra l’8 e il 9% (cambia in ogni Stato) sulle tasse che ogni cittadino paga allo Stato. C’è da sottolineare che gli introiti derivati dalla tassa nel 2019 hanno segnato un record rispetto all’anno precedente, con un aumento del 2,4% rispetto alla cifra incassata nel 2018. Josef Sonnleitner, della diocesi di Passavia in Baviera, ha dichiarato che «come andranno le cose entro la fine dell’anno dipenderà molto da come le restrizioni adottate adesso continueranno a influenzare l’economia di ogni Länder».

Le due confessioni religiose devono affrontare anche il problema del calo dei fedeli

Alla fine di luglio la Conferenza Episcopale Tedesca aveva pubblicato il suo rapporto annuale, in cui era emersa una costante diminuzione dei fedeli sia cattolici che protestanti.  Secondo ,lo studio, infatti, nei dodici mesi precedenti, mezzo milione di cittadini (circa 540.000) hanno deciso di abbandonare non solo la chiesa cattolica, ma anche quella evangelica. In base a quanto riportato nel documento entro il 2060 solo un quarto degli abitanti della Germania faranno parte di una delle due confessioni religiose.

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter 

Immagine di copertina: Vescovi in processione Pubblico Dominio da Pixabay

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *