Come offrire aiuto in Germania durante il coronavirus

Alcuni movimenti locali della Germania stanno agendo per aiutare le persone in questo periodo difficile. Chi ha bisogno di aiuto in particolare?

La Germania ha esortato la gente ad evitare il più possibile i contatti sociali e ha imposto misure rigide, come il divieto di celebrare le funzioni religiose e la chiusura dei negozi non essenziali. Ciò ha provocato un forte cambiamento nella vita quotidiana di ogni cittadino tedesco. Coloro che fanno parte dei gruppi a più alto rischio da COVID-19, come individui anziani o con condizioni mediche preesistenti, possono anche decidere di rimanere a casa nel tentativo di limitare i contatti sociali. I possibili contagiati e coloro che presentano sintomi simili all’influenza/freddo devono restare a casa e isolarsi (se non hanno bisogno di cure ospedaliere). Anche le persone che tornano da paesi ad alto rischio sono sollecitate ad auto-quarantena per 14 giorni dopo il rientro in Germania. Ciò significa che potrebbero aver bisogno di aiuto per farsi consegnare generi alimentari, medicinali o altri beni di prima necessità durante questo periodo. Dal punto di vista economico, le piccole imprese sono particolarmente vulnerabili agli impatti negativi dell’epidemia e molti lavoratori dell’industria turistica duramente colpita sono stati licenziati. Al momento i ristoranti devono chiudere alle 18:00, ma molti hanno il permesso di fare consegne a domicilio.

Come offrire aiuto: dai gruppi di volontariato alla comunità digitali

Molte persone stanno aiutando le loro famiglie e i vicini nel fare la spesa e nell’acquisto di farmaci di cui hanno bisogno. In Germania, se si dispone della ricetta del medico, è possibile ritirare i medicinali su prescrizione medica per terzi. Si possono anche ordinare gli articoli online, benché per molti negozi i tempi di consegna sono attualmente più lunghi del normale a causa della forte domanda. Anche nel mondo virtuale esistono alcune forme di assistenza. Ci sono diversi gruppi online dove ci si può offrire di aiutare o semplicemente trovare utenti con cui chattare. Ad esempio, il portale Solidarische Nachbarschaftshilfe (“Solidale assistenza di quartiere”), dispone di una lista completa di strutture auto-organizzate in tutto il paese che stanno offrendo aiuto, soprattutto nel sostenere le persone che appartengono a gruppi a rischio. In maniera analoga, CoronaPort è un sito web che ha lo scopo di diffondere varie informazioni quali il luogo in cui si vive e ciò di cui si ha bisogno o che si può fare. La start up Co-Tasker, invece, creata di recente a Berlino, ha modificato i servizi che fornisce attraverso le sue piattaforme per aiutare coloro che sono più a rischio nella capitale. Di base l’azienda permette agli utenti di pubblicare i compiti per i quali hanno bisogno di aiuto e ad altri di candidarsi per svolgerli. Utilizzando le loro specifiche competenze. In cambio guadagnano denaro. Gli individui che sono a rischio durante la crisi possono includere l’hashtag #atrisk (rischio) nella descrizione del loro compito e dopo che quest’ultimo è stato svolto l’organizzazione rimborserà le spese del servizio. Un’altra comunità situata a Berlino è intitolato Queer Relief Covid-19 e coordina le persone che vogliono offrire aiuto e coloro che sono immuno-compromessi, malati cronici, asmatici o anziani. Il suo impegno si rivolge soprattutto alle persone appartenenti a gruppi emarginati. Per coloro che hanno bisogno di aiuto o che sono interessati a diventare membri dei gruppi di sostegno, si raccomanda di porre particolare attenzione a probabili truffatori. Nonostante la maggior parte delle proposte siano genuine, si consiglia di controllare che il profilo della persona in questione sia autentico e di ottenere alcune sue informazioni prima di inviarle un pagamento, per esempio.

Altre risorse utili

Corona Aktivisten Düsseldorf è un’altra organizzazione che si occupa di fornire aiuto e supporto durante la crisi del coronavirus attraverso piattaforme mediatiche online. Il gruppo sta producendo vari corsi e sessioni che mostra attraverso Instagram Live. Inizialmente ha fornito video di yoga e meditazione, ma col tempo si sta espandendo per concentrarsi su molti altri temi, che variano anche a seconda delle richieste degli utenti. Recentemente ha iniziato a trasmettere video su argomenti come i consigli sul lavoro da casa, i consigli di cucina e l’artigianato per i bambini. Infine, Das Corona Update, è un podcast di NDR (Norddeutscher Rundfunk) con il Professore Christian Drosten, il responsabile della virologia della Charité di Berlino. Lo scopo del podcast è quello mantenere aggiornati gli ascoltatori a proposito della situazione coronavirus.  Il podcast viene svolto in lingua tedesca, quindi è utile anche dal punto di vista dell’apprendimento della lingua.

Leggi anche: La Germania vuole raddoppiare a breve la disponibilità di posti in terapia intensiva (e arrivare a 56mila)

Studia tedesco via Skype con lezioni private o collettive, corsi da 45 ore collettivi (max 8 persone) a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter!

Immagine di copertina: Pixabay

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *