Germania, possibile neutralità climatica nel 2045, con 5 anni in anticipo sull’UE.

La Germania sarà il primo Stato europeo a raggiungere emissioni zero entro il 2045 con nuovi investimenti nel settore della sostenibilità.

Il Governo tedesco intende diventare il primo Paese europeo a emissioni zero entro il 2045, anticipando così di 5 anni l’obiettivo stabilito dall’Unione Europea. Se la Germania riuscirà effettivamente nell’intento, si eviteranno un miliardo di emissioni di anidride carbonica, come calcolato dalla Fondazione Neutralità Climatica e Agora Energiewende. Per raggiungere la neutralità climatica è fondamentale investire sulle energie rinnovabili, strada che la Germania ha imboccato da lungo tempo. Il carbone verrà progressivamente ridotto entro il 2038 e si andranno a favorire l’efficienza energetica e l’elettricità. La neutralità climatica tedesca è in linea con l’obiettivo mondiale di arginare il costante surriscaldamento globale e di non superare i 1,5º C nel prossimo decennio.

Le energie rinnovabili sono il futuro

Energia eolica, solare e idrogeno sono i motori essenziali delle energie rinnovabili a discapito di altre forme energetiche più inquinanti, in primis carbone e gas naturali. La Germania intende ricorre all’elettricità come unica fonte per alimentare i trasporti pubblici e privati entro il 2030. Si immetteranno così su strada 14 milioni di auto elettriche entro il 2045. I beni essenziali dovranno essere trasportati su treni piuttosto che via aerea. E’ fondamentale quindi incentivare lo sviluppo e l’utilizzo di energie rinnovabili al livello normativo e governativo, oltre a consistenti finanziamenti nelle nuove tecnologie. Il contributo della società civile è cruciale: i benefici infatti interesseranno non solo l’ambiente, ma anche l’economia non più lineare ma circolare.

Il Green Deal: l’accordo climatico europeo

Il Green Deal è il nuovo patto climatico varato tra gli Stati membri e il Parlamento europeo nel marzo 2020. La nuova legge sul clima è in linea con le direttive dell’UNEP (Programma sul Clima delle Nazioni Unite) e con gli ambiziosi obiettivi sulla sostenibilità prefissati dall’ONU da raggiungere entro il 2030. Il Green Deal prevede una riduzione del 55% delle emissioni a gas entro il 2o30, ma all’interno della stessa Unione Europea alcuni stakeholders ne chiedono una riduzione del 60%. La neutralità climatica europea potrà essere raggiunta entro il 2050 ma richiede l’impegno di tutti gli Stati Membri. Per questo la legge è vincolante e ispirata all’equità e solidarietà tra gli Stati contraenti. Si favoriranno le energie rinnovabili in tutti i settori: dal riscaldamento degli edifici fino a una revisione della rete di infrastrutture.

Leggi anche La Germania punta sempre di più sull’energia rinnovabile

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Foto di copertina: CC0 (c)  Pixabay

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *