Berlino, più della metà dei cittadini giudica negativamente le politiche anti-contagi del Senato

Se nelle prime fasi della pandemia la gestione sembrava soddisfacente ora non è più così per buona parte dei berlinesi

Una recente indagine mostra che i berlinesi stanno valutando negativamente la gestione della crisi sanitaria del Senato. I dati attuali si distanziano nettamente da quelli registrati a settembre 2020 e da quelli rilevati dal sondaggio di aprile scorso, quando due terzi degli intervistati (65%), si mostrava soddisfatto se non addirittura pienamente favorevole al modo in cui i politici stavano affrontando la pandemia. Ma a febbraio la situazione è cambiata: ora, solo il 43% considera positive le misure predisposte dal governo. Il 56%, tuttavia, si dichiara meno o per niente soddisfatto.

Insoddisfazione soprattutto tra gli over 65

A valutare negativamente la gestione dell’emergenza sanitaria sono soprattutto gli over 65: in questo gruppo, dove si riscontra la delusione più forte, la soddisfazione è diminuita di 25 punti percentuali in più rispetto alla media. Ciò può essere correlato soprattutto ai numerosi decessi tra gli anziani, al divieto di visitare case di cura o al lento avvio delle vaccinazioni, che ha deluso molte speranze di una rapida via d’uscita dalla pandemia.
Aleggia uno scetticismo generale anche nei confronti dei diversi partiti politici e delle loro misure. Solo tra i sostenitori dei Verdi, la politica sanitaria ha l’appoggio di una netta maggioranza con un 60% che si dichiara ancora favorevole alle misure restrittive anche dopo mesi di blocco.

Dati contrastanti

Nonostante la constatazione di una crescente insoddisfazione per la politica sanitaria, spiccano dei risultati contrastanti nei confronti del leader massimo della città. Sembra infatti che il lavoro del sindaco Michael Müller (SPD) sia stato valutato migliore nel febbraio 2021 di quanto non lo sia stato da molto tempo. Il 51% degli intervistati si è dichiarato soddisfatto di Müller e ciò equivale ad un aumento di cinque punti percentuali. A raccogliere grande consenso è anche la ministra della famiglia Franziska Giffey. Il 46% si dice soddisfatto del lavoro di Giffey come presidente dello stato SPD e ministro federale, mentre il 34 % è dell’opinione opposta. La sua popolarità è più evidente tra gli anziani che tra i giovani: quasi due terzi degli intervistati over 65 ne apprezzano l’operato insieme a poco più di un terzo delle persone tra i 40 ei 64 anni.

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

 

Immagine di copertina: Copyright Håkon Sataøen Public Domain 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *