Merkel: “In Germania ogni persona ne infetta in media meno di una. E questo va bene”

In una conferenza stampa, la Merkel ha spiegato perché bisogna prendere seriamente le misure di lockdown adottate in Germania

Nel video postato dalla pagina web di Repubblica, la cancelliera tedesca chiarisce perché  in Germania è stato registrato un minor numero di morti rispetto agli altri paesi europei. Nonostante il numero delle vittime sia più basso rispetto agli altri Paesi, è comunque importante seguire le restrizioni promosse dal governo.

 

Cosa sostiene il modello elaborato in Germania

Angela Merkel, che oltre alla guida della Germania vanta anche una laurea in chimica,  ha asserito che attualmente in Germania il rapporto infetto-contagiato è 1:1. Ciò significa che ogni persona contagiata, ne infetta in media un’altra. Secondo questi dati, se la situazione rimane stabile, il sistema sanitario tedesco raggiungerebbe “il massimo delle sue capacità”, in termini di posti disponibili in terapia intensiva, per il mese di ottobre. Continua però sostenendo che la situazione è molto delicata. Data la continua instabilità del virus e del suo andamento, ci si potrebbe ritrovare con dati diversi. Se una persona dovesse cominciare ad infettare anche solo il 20% in più, il sistema sanitario potrebbe collassare. L’evoluzione del modello è quindi basata sulla possibilità di “monitorare ogni singolo soggetto infetto”. In questa situazione è necessaria solo tanta prudenza.

Il tasso di Infezione

Secondo i dati pubblicati giovedì scorso dal Robert Koch Institute , sul controllo delle malattie, il tasso di infezione da persona a persona in Germania è sceso a 0,7. Il tasso di infezione è un importante indice che permette di controllare le evoluzioni che si verificano giorno dopo giorno, in vista della volontà del Paese di allentare gradualmente i vincoli restrittivi. È stata infatti già comunicata la volontà di voler aprire alcune scuole e alcuni negozi, mentre restano in vigore le regole che impediscono a gruppi di più di due persone di riunirsi in pubblico, escluso il nucleo familiare che vive insieme, mentre i grandi eventi pubblici restano vietati fino al 31 agosto.

 

Leggi anche: Berlino, alcune classi già a scuola dal 27 aprile

Studia tedesco via Skype con lezioni private o collettive, corsi da 48 ore (max 8 persone) a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Immagine di copertina: Youtube

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *