La Germania sta adottando sempre più il metodo della Corea del Sud

La Germania sembra seguire alla lettera le misure di sicurezza adottate dalla Corea del Sud per arginare il Covid-19

Per spezzare la catena dell’infezione, la Germania si sta impegnando nell’effettuare test a tappeto. Si tratta di una strategia presa in prestito dalla Corea del Sud, il cui successo nel rallentare l’epidemia è diventato l’invidia del mondo. Secondo i funzionari, la Germania sta già effettuando più test di Covid-19 di qualsiasi altro Paese europeo. Si è calcolata una media di 300.000-500.000 alla settimana. Ma il governo di Angela Merkel mira a far progredire questa cifra almeno fino a 200.000 test al giorno. Secondo un documento del Ministero dell’Interno, condiviso da molti media tedeschi, l’obiettivo sarebbe quello di testare tutti coloro che sospettano di aver preso il virus, o di essere entrati in contatto con un possibile caso infetto dal virus. Gli attuali criteri di analisi si concentrano su coloro che sono malati con i sintomi del COVID-19 e che sono venuti a contatto con un caso confermato.

La seconda strategia che si vorrebbe adottare riguarda la localizzazione degli smartphone

Un’altra arma cruciale nella battaglia contro il Covid-19 sarebbe l’utilizzo dei dati di localizzazione degli smartphone per rintracciare i recenti movimenti di un paziente, per rintracciare e isolare più accuratamente le persone potenzialmente infette. I funzionari governativi e gli epidemiologi si sono espressi a favore del tracciamento dei telefoni cellulari. Tuttavia, è un’idea controversa in Germania. Si intaccherebbe non di poco la privacy di un individuo, e in una Nazione che è stata infestata dalla sorveglianza nell’era nazista e dalla polizia segreta della Stasi nell’epoca comunista, non è un’operazione vista di buon occhio. Il piano del tracciato telefonico della Germania ricorda il “traccia, prova e cura” che sembra aver aiutato la Corea del Sud a tenere sotto controllo l’epidemia. Quest’ultima si è servita dell’uso massiccio della tecnologia per monitorare i pazienti. Sebbene la Germania e la Corea del Sud siano due Paesi molto diversi, la strategia del virus della nazione asiatica “può essere un esempio”, ha dichiarato quotidianamente al Frankfurter Allgemeine il direttore dell’Istituto Robert Koch (RKI) per il controllo delle malattie. “Un punto chiave è quello di rintracciare i dati dei cellulari”, ha detto Lothar Wieler.

Nonostante il tasso di mortalità inferiore agli altri Paesi, il ministro della Salute prevede una crescita della diffusione del Covid-19

Con un totale di 389 morti su oltre 52.000 casi, la Germania ha un tasso di mortalità di appena lo 0,7%, contro il 10% circa dell’Italia più colpita e l’8% della Spagna. Ma il ministro della Salute tedesco Jens Spahn ha avvertito che il Paese potrebbe affrontare “una tempesta” di nuovi casi nelle prossime settimane. Il Wieler dell’RKI ha avvertito che le scene drammatiche negli ospedali italiani al punto di rottura potrebbero verificarsi anche in Germania: “Non possiamo escludere che anche qui avremo più pazienti che ventilatori”. Con 25.000 letti per terapia intensiva dotati di ventilatori, la Germania si trova in una posizione migliore rispetto a molti altri Paesi per affrontare un afflusso di pazienti in difficoltà respiratoria. Come abbiamo ampiamente scritto, anni di finanziamenti insufficienti hanno lasciato il sistema sanitario del Paese dolorosamente a corto di personale. La Germania ha attualmente circa 17.000 posti vacanti in assistenza infermieristica. Di conseguenza, molti ospedali hanno fatto ricorso alla stesura di progetti di personale sanitario in pensione o di medici studenti per aiutare con l’atteso attacco del coronavirus, anche presso il rinomato ospedale universitario Charité di Berlino.

Leggi anche: La Germania ha timore di un aumento delle violenze domestiche

Studia tedesco via Skype con lezioni private o collettive, corsi da 45 ore collettivi (max 8 persone) a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter!

Immagine di copertina: Pixabay

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *