Coronavirus, lui 89 anni tedesco, lei 85 danese: il loro amore si incontra alla frontiera ogni giorno (o quasi)

Si incontrano alla frontiera tedesco-danese per chiacchierare, bere caffè e mangiare biscotti. Data l’emergenza Coronavirus, Karsten e Inga hanno trovato una soluzione originale per continuare a vedersi

L’aumento dei contagi da COVID-19 ha portato diversi stati europei ad adottare una serie di misure preventive atte a contenere il diffondersi del Coronavirus. Tra le restrizioni applicate in Germania si ha la chiusura dei confini che rappresenta per molte coppie e famiglie una sfida importante da affrontare. Ciò accade ad esempio per la coppia formata dall’ottantanovenne tedesco Karsten Tüchsen Hansen e dall’ottantacinquenne danese Inga Rasmussen. A causa dell’emergenza, i due anziani non possono farsi visita come di consueto poiché il confine tra Germania e Danimarca è stato temporaneamente, e in gran parte, chiuso. I due hanno quindi pensato ad una soluzione originale: seduti al valico di frontiera di Aventoft, nella Frisia settentrionale, Karsten e Inga si incontrano a metà strada per chiacchierare, bere insieme il caffè e mangiare dei biscotti. Ovviamente tutto ciò avviene a debita distanza. Al confine, segnato da una barriera bianca e rossa, i due anziani cercano di ritrovare la propria normalità in una situazione così insolita. Una storia, quella di Karsten e Inga, riportata dall’agenzia di stampa tedesca e che si trova al centro di diversi servizi giornalistici.

Un brindisi speciale, sempre a debita distanza

Karsten Tüchsen Hansen della Frisia settentrionale e Inga Rasmussen dalla Danimarca hanno stupito per la loro storia di amore e tenerezza ai tempi del Coronavirus. Un modo di incontrarsi che li fa sentire più vicini in un momento così particolare. Ogni giorno dalla città tedesca di Süderlügum, Karsten si dirige in bicicletta fino al valico di frontiera di Aventoft. Inga viene invece direttamente con la sua auto da Gallehus, in Danimarca. Arrivati alla frontiera tedesco-danese, i due anziani si siedono ciascuno nel proprio Paese, bevendo caffè e punch, mangiando dolcetti e chiacchierando. «È triste, ma non possiamo cambiarlo», ha spiegato l’85enne danese. Insieme da due anni, al momento Karsten e Inga non sono autorizzati a farsi visita come farebbero normalmente. La coppia spera di poter tornare presto alla normalità, magari dopo Pasqua. Fino a quando la situazione non migliorerà, i due si incontreranno ogni pomeriggio al confine, parlando e godendosi il proprio tempo a distanza. «Ecco, all’amore», dice lui mentre brindano con delle tazze da caffè, l’uno davanti all’altra.

Coronavirus in Germania: nessuna impennata di casi, la curva totale sembra rimanere sotto controllo secondo il bollettino di domenica

“Solo” 4740 nuovi casi di Coronavirus in Germania, per un totale di 62435. Sono i dati a domenica sera raccolti dalla Johns Hopkins University (quelli del Rober Koch Institut sono fermi a sabato). C’è una forte differenza con i numeri degli ultimi tre giorni (che erano sempre stati poco meno di 7mila). La ragione? È sempre così quando ci sono di mezzo sabato e domenica. Viene facile immaginare che si facciano meno tamponi. I decessi ad ogni modo salgono a 541, ben 108 nelle ultime 24 ore. Mai erano stati così tanti. Andando a vedere la situazione regione per regione, il NordReno-Vestfalia raggiunge i 13360 casi positivi. A breve distanza la Baviera con 13263 e il Baden-Württemberg (11536, ma con più decessi di tutti, ben 128). I dati sono presi dal Berliner Morgenpost (meno aggiornata di quella citata sopra sui numeri totali dei contagi in Germania).

Leggi anche: “Germania, sempre più persone hanno più di un lavoro contemporaneamente

Studia tedesco via Skype con lezioni private o collettive, corsi da 45 ore collettivi (max 8 persone) a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Immagine di copertina: © CC0 – Pixabay

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *