Germania, oltre i 147mila casi e 4800 decessi. Mai così pochi nuovi casi dal 15 marzo. Merkel: “Basta orge di discussioni”

La Cancelliera alza i toni: vuole più compattezza intorno alle decisioni prese dal governo federale e smorza gli entusiasmi per i risultati raggiunti

Angela Merkel non vuole che la fretta neutralizzi la risposta, finora efficiente, che il suo Paese ha dato alla pandemia. E così, ieri, durante una riunione a porte chiuse con i membri del suo partito (CDU) e dei cugini della CSU, ha spinto i suoi colleghi a non alimentare le speranze dei cittadini spingendoli, di fatto, ad un rilassamento verso le restrizioni vigenti. Il rischio sarebbe una nuova impennata dell’epidemia e un graduale crollo del sistema sanitario tedesco. La Cancelliera, stanca delle martellanti richieste da parte dei vari governatori regionali, avrebbe utilizzato anche l’espressione “Basta con le orge di discussioni” generando stupore tra i presenti, non abituati a questo tipo di linguaggio da parte del loro leder. L’hashtag  #Öffnungsdiskussionsorgien ha subito un’impennata su Twitter. Al momento le restrizioni, ovvero distanza di sicurezza di un metro e mezzo, divieto di assembramenti di più di due persone a meno che non si si abiti sotto lo stesso tempo, rimarranno in vigore fino al 3 maggio.

L’uso delle mascherine e le scuole

L’uso di mascherine è ora obbligatorio in Sassonia. Dal 27 aprile lo sarà anche in Maclemburgo-Pomerania e Baviera. Il sindaco di Berlino ha dichiarato che vorrebbe introdurlo almeno sui mezzi pubblici della capitale. Se ne discuterà nei prossimi giorni nel Senato. Il problema, parallelo all’obbligo, è rendere le mascherine disponibili a tutta la popolazione o gratuitamente o a prezzi accessibili. Nel frattempo in molti Lander alcune classi, soprattutto quelle che hanno gli esami, sono tornate a scuola. La riapertura delle strutture sarà graduale e non è detto che coinvolgerà tutte le fasce d’età. Definite le linee guida designate dal governo la settimana scorsa, ogni stato ha la facoltà di decidere autonomamente quando e come. Ancora non ci sono date o assicurazioni sul fatto che a breve possano riaprire invece gli asili nido.

Il bollettino delle ultime 24 ore, lunedì 20 aprile

Al momento in Germania ci sono 47.003 casi attivi, di cui il 6% in serie condizioni. Ieri, lunedì 20 aprile, erano 50703. Il numero di contagi totali, secondo  è di 147.065, quello dei decessi di 4862. Nelle ultime 24 ore il numero di contagi è stato solo di 1323, il più basso dal 15 marzo quando se ne registrarono 1214. Di ben 220 i decessi, un numero in controtendenza con il calo degli ultimi due giorni. L’ultimo dato sui tamponi risale a circa una settimana fa, 1 milione e 728mila. Al momento – tenendo in considerazione i numeri della Jonhs Hopkins, il tasso di letalità del virus in Germania è del 3,306 %. In Italia è del 13,305 %, nel mondo è 6,866%.

Studia tedesco via Skype con lezioni private o collettive, corsi da 48 ore (max 8 persone) a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *