Berlino, i palazzi di fronte diventano cinema e i film si vedono dal balcone

A Berlino l’intrattenimento non si ferma: prima i dj set dai balconi, ora anche il cinema proiettato

Durante la crisi del Covid-19, la vita quotidiana ha subito forti modifiche. Non solo ci si è ritrovati a lavorare da casa, senza incontrare i propri colleghi, ma tutti gli hobby e i piaceri che allietavano le nostre giornate sono stati messi in pausa, sin da subito. Seppure Berlino e la Germania non hanno lock-down drastici, i cittadini hanno salutato il loro divertimento da ormai un mese. Avevamo già scritto e pubblicato fotografie di balconi in festa: Dj-set, karaoke, letture di poesie. Da pochissime ore, sul web circola però questa nuova iniziativa. E’ la settima arte ad essere  la protagonista. Il cinema, chiuso ormai da tempo, torna protagonista delle serate berlinesi. Il primo film è stato proiettato in un cortile a Prenzlauer Berg: Il cielo sopra Berlino, un film del 1987.

Subito dopo la prima comparsa del cinema “condominiale” in sicurezza, è nato un progetto

“Se le persone non possono andare al cinema, il cinema potrebbe arrivare da voi”. Il progetto Windowflicks non fa altro che portare proiezioni cinematografiche nei cortili di Berlino. Si tratta di un’iniziativa nata proprio nella capitale. E’ stata di fatto la prima città a promuovere il cinema “condominiale” in sicurezza. I condomini possono guardare il film insieme dal balcone o dalla finestra. Il primo film è stato messo a disposizione da STUDIOCANAL e Wim Wenders Stiftung, con suo saluto finale. Sono state annunciate anche prossime date, dove ci saranno THE ARTIST, Shaun Das Schaf e CLEO. Inoltre, se qualcuno abita in una palazzina con almeno 20 unità abitative e predispone di una grande vista su di un muro, questo può candidarsi, allegando foto su windowflicks.de. Il ricavato sarà devoluto alla campagna di donazione Fortsetzung folgt per la conservazione dei cinema del programma di Berlino.

Leggi anche: L’editoriale di Saviano sulla Zeit è un ricatto ai tedeschi che rischia di allontarli ancora di più dall’idea di un’Europa più solidale

Studia tedesco via Skype con lezioni private o collettive, corsi da 48 ore (max 8 persone) a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Immagine di copertina: Facebook

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *