Francia, Cechia, Olanda e ora Belgio: la Germania ospita sempre più pazienti Covid dai Paesi europei

Grande atto di solidarietà da parte della Germania. Le terapie intensive tedesche accolgono i pazienti dei Paesi vicini messi in ginocchio dall’emergenza Covid-19

Nonostante la seconda ondata della pandemia Covid-19 fosse piuttosto prevedibile, i sistemi di assistenza sanitaria in Europa sono nuovamente vicini al collasso. Per attenuare gli effetti della crisi sanitaria, la Commissione Europea ha stanziato 220 milioni di euro che consentiranno il trasferimento di pazienti tra Stati membri dell’UE, dai Paesi più vulnerabili verso quelli meno colpiti. Così, proprio come per la prima ondata, anche oggi la Germania è intervenuta per tendere la mano a Repubblica Ceca, Olanda e soprattutto Belgio che è diventato il nuovo epicentro della pandemia con 507,475 casi insieme alla Francia con oltre 1,7 milioni di casi.

Via ai trasferimenti di casi Covid in Germania

Come un déjà-vu, gli ospedali tedeschi stanno nuovamente accogliendo pazienti affetti da Covid.19 che, per la situazione critica in cui verte la sanità del loro Paese, potrebbero non ricevere l’assistenza adeguata di cui hanno bisogno. Ma la Germania non è stata risparmiata dalla seconda ondata anzi, come indica il Robert Koch-Institut, nelle ultime ore sono stati registrati 15.332 nuovi casi. E allora come mai il virus sembra meno letale nella nazione tedesca? Stando ai dati forniti dall’Istituto Robert Koch, tra i fattori che hanno mantenuto il tasso di letalità del virus inferiore rispetto ai Paesi limitrofi, vi sono l’alto numero di posti in terapia intensiva e il numero di tamponi effettuati al giorno. In effetti, uno dei punti di forza del sistema sanitario tedesco riguarda  il numero di unità di terapia intensiva, che è stato aumentato a 40.000 posti letto di cui 30.000 forniti di apparecchi di ventilazione assistita. Di questi, metà sono già occupati dai pazienti tedeschi mentre gli altri sono stati allestiti e resi disponibili agli altri Paesi. Olanda e Belgio hanno già inviato i loro pazienti per far fronte alla carenza di personale medico, letti e  respiratori artificiali. Il primato è momentaneamente detenuto dalla Repubblica Ceca che ha registrato uno dei tassi più alti di contagi in Europa e per cui il Land tedesco della Baviera ha già riservato 100 posti letto di terapia intensiva.

Il sistema sanitario in Belgio è in allerta: malati Covid trasferiti in Germania con delle eliambulanze

Negli ultimi mesi, il numero di contagi in Belgio è cresciuto in modo esponenziale. Nelle ultime settimane, stando ai dati  dell’Istituto di Sanità Pubblica Sciensano, la media è di circa 618 ricoveri e 13 morti al giorno ogni 100 mila abitanti, la seconda più elevata in Europa. «Il reparto di terapia intensiva di Bruxelles è già saturo, ciò significa che i nuovi pazienti dovranno essere automaticamente trasferiti in altri ospedali, in Belgio o all’estero» ha affermato VRT Inge Neven, ispettorato sanitario di Bruxelles. Una nuova sfida quella che stanno conducendo molti volontari, i quali si sono offerti per accompagnare ed assistere i malati di Covid durante il tragitto verso gli ospedali tedeschi in eliambulanze. «Siamo molto entusiasti  dell’atteggiamento spontaneo e molto generoso dei nostri colleghi tedeschi» ha detto il Ministro della Sanità belga Frank Vandenbroucke. «Durante la prima ondata abbiamo assistito 230 pazienti provenienti da Italia, Francia e Olanda. Adesso stiamo estendendo il nostro aiuto al Belgio. In futuro potrebbe essere la Germania ad avere bisogno d’aiuto», ha affermato l’ambasciatore tedesco in Belgio Martin Kotthaus.

 

Leggi anche: Il vaccino USA-Germania è alla fase 3. Efficace al 90%

 

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter 

Immagine di copertina:Ospedale da Pixabay

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *