Volevo nascondermi, Germano interpreta Ligabue ed è straordinario – Berlinale

Minorato dai maltrattamenti subiti, Toni lascia la Svizzera e costruisce la sua libertà in Emilia

Tra i primi film Italiani proiettati in questa edizione della Berlinale, Volevo Nascondermi si conclude con un caloroso appluso in sala. Ottavo film di Giorgio Diritti, ci dà una panoramica sulla dualità dell’essere umano mostrando come, opposte, alienazione e necessità di inclusione convivano nello stesso spazio. L’Italia viene rappresentata come un luogo dove ci si sente a casa e la gente di un piccolo villaggio può diventare famiglia. L’autenticità del posto e dei paesani è demarcata da un chiaro dialetto emiliano. Il film compete per vincere l’Orso d’Oro nella sezione principale di questa settantesima edizione del Festival Internazionale del cinema di Berlino.

Trama del film

Dopo aver subito abusi mentali e fisici dai suoi genitori adottivi e gli altri paesani, Antonio Ligabue, interpretato da Elio Germano, viene considerato inadeguato per poter vivere nella Svizzera tedesca ed è costretto a emigrare. Espulso dal suo paese e mandato in Italia contro la sua volontà, vive in pietose condizioni vicino alle rive del Po. Incapace di comunicare, trova conforto nella sua passione per il disegno. Dopo giorni vissuti in miseria viene accolto dallo scultore Renato Marino Mazzacurati (Pietro Traldi), che lo inizia alla pittura. Da quel momento in poi Ligabue, ribattezzato Toni, diventa un rivoluzionario dell’arte, costruendo il suo personale sentiero verso la libertà. Grazie a un amico giornalista, Antonio attira l’attenzione di alcuni registi romani, interessati sia ai suoi lavori che al suo curioso personaggio: da questo momento inizia la sua emancipazione.

Il Regista e il Cast

Nato a Bologna nel 1959, Giorgio Diritti è direttore, produttore e regista. Fece il suo debutto nel 2008 con il film Il vento fa il suo giro, proiettato in più di 60 Festival nel mondo, vincendo diversi premi. Il suo secondo film, L’uomo che verrà, è stato premiato a Roma nel 2012 con una serie di riconoscimenti, tra cui tre David di Donatello e tre premi Nastro Argento. Nel caso del suo ultimo film Volevo Nascondermi troviamo un eccezionale Elio Germano, attore romano che si è già fatto notare per le sue grandi doti interpretative durante gli anni. Orietta Notari, Pietro Traldi e Andrea Gherpelli sono solo alcuni dei talentuosi attori che fanno parte di questo cast. Il fim ha tutte le carte in regola per vincere il desiderato Goldener Bär.

Proiezioni

Venerdì 21.02 alle 22:00 presso Berlinale Palast

Sabato 22.02 alle 10:30 presso Haus der Berliner Festispiele

Sabato 22.02 alle 14:30 presso Friedrichstadt-Palast

Sabato 22.02 alle 21:30 presso City Kino Wedding

Martedì 25.02 alle 21:15 presso Friedrichstadt-Palast

Domenica 1.03 alle 9:30 presso Zoo Palast 1

Leggi anche: My Salinger Year, ma che bello il primo film della Berlinale

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter!

Immagine di copertina: ©Berlinale

1 commento

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] partecipato alla conferenza stampa di Volevo Nascondermi, secondo film Italiano proiettato a questa settantesima edizione della Berlinale. Il cast racconta […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *