La Germania voleva tracciare i movimenti delle persone tramite i loro cellulari

Il politico della CDU sta abbandonando i suoi piani di tracciamento del cellulare dopo le critiche per la violazione della privacy

Nella lotta contro il Coronavirus, il governo tedesco aveva dichiarato di voler accedere ai dati dei cellulari delle persone di contatto. Tuttavia, dopo le critiche, i piani sono stati abbandonati. Il Ministro federale della sanità di Berlino Jens Spahn (CDU) ha deciso di non utilizzare i telefoni cellulari per localizzare le persone di contatto delle persone infette al fine di contenere il Coronavirus. L’informazione è stato riferita all’Handelsblatt dagli ambienti governativi e dai politici della coalizione nel Bundestag. In origine, Spahn voleva rendere possibile la lettura dei dati di movimento dai telefoni cellulari per rallentare la diffusione del virus. I due maggiori fornitori di reti telefoniche in Germania, Telefonica e Telekom, avevano accettato di trasmettere tutti i profili dei dati sui movimenti dei loro clienti all’Istituto Robert Koch, in modo che potessero essere analizzati per vedere se le persone in Germania rispettano il coprifuoco. Ciò ha suscitato forti riserve tra i protettori dei dati e della privacy, in partiocolare tra i politici della SPD. Il tracciamento dei telefoni cellulari faceva parte di una legge che avrebbe dato al governo federale maggiori poteri nella lotta contro le epidemie. La bozza è stata discussa in Gabinetto questo lunedì e dovrebbe essere approvata dal Parlamento in settimana. Lo scopo della legge è quello di consentire al ministero di «adottare le opportune misure di risposta alle crisi» «in caso di una situazione epidemica di rilevanza nazionale». Secondo i piani originali, le autorità sanitarie competenti dovrebbero essere in grado di rintracciare i movimenti delle persone utilizzando i dati di localizzazione dei telefoni cellulari per poterle contattare in caso di sospetta infezione. Allo stesso tempo, le autorità competenti dovrebbero essere autorizzate a utilizzare i dati relativi al traffico per determinare il luogo in cui si trovano, ad esempio per informare le persone interessate sul loro rischio personale. A tal fine, i fornitori di telefonia mobile dovrebbero mettere a disposizione delle autorità sanitarie i dati relativi alla localizzazione.

Le preoccupazioni per la privacy

Dopo che i piani sono stati resi noti, il responsabile digitale della SPD, Jens Zimmermann, ha messo in guardia i cittadini tedeschi per il decreto: Zimmerman lo ha definito un “assegno in bianco” per la localizzazione e il tracciamento individuale. Anche le autorità preposte alla protezione dei dati hanno espresso riserve: «L‘attuale pressione ad agire non deve impedire un’attenta e razionale considerazione ed elaborazione delle complesse questioni», ha detto l’esperto di protezione dei dati di Amburgo Johannes Caspar. «I diritti fondamentali e le procedure costituzionali hanno un significato speciale soprattutto in tempi di crisi». Il Commissario per la protezione dei dati personali dello Stato dello Schleswig-Holstein, Marit Hansen, ha aggiunto: «La protezione contro le infezioni è importante, ma le misure non devono portare al trattamento di dati personali sensibili senza sufficienti garanzie». I Verdi hanno accolto la ritrattazione di Spahn. Tuttavia, altri Paesi, che già utilizzano interventi così profondi sui diritti fondamentali per combattere il terrorismo, li hanno ora estesi a tutta la popolazione a causa del virus. In Israele, ad esempio, i servizi segreti raccolgono i dati dei cellulari di tutti i cittadini. Con metodi che prima erano usati esclusivamente contro gli estremisti palestinesi. In futuro, tutti i cellulari saranno utilizzati per contenere la diffusione del virus.

Leggi anche: La Germania accoglie 6 pazienti dalla Lombardia secondo Repubblica

Studia tedesco via Skype con lezioni private o collettive, corsi da 45 ore collettivi (max 8 persone) a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter!

Immagine di copertina:

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *