Il 16% dei proprietari dei club di Berlino pensano di non riaprire mai più

Dopo 18 mesi di fermo, i proprietari dei club sono stremati. Il senso di precarietà ha portato quasi il 16% dei gestori a pensare di chiudere l’attività.

A seguito del blocco a causa della pandemia, la club culture di Berlino rischia di spegnersi. In un recente sondaggio, infatti, è emerso che quasi il 16% dei proprietari di club sta pensando di abbandonare l’attività. Ad aggravare la situazione è il fatto che, anche quando i locali sono aperti, l’affluenza viene ulteriormente limitata a causa delle norme di distanziamento. La manager del Gretchen, noto club berlinese, afferma: “In realtà abbiamo una capacità di diverse centinaia di persone, ma per rispettare una distanza di 1,5 metri possiamo ospitarne circa 36”.

Gli aiuti finanziari non sono più sufficienti

Dal prossimo fine settimana, probabilmente, un numero limitato di persone potrà ballare all’aperto, ma i club sprovvisti di ampi spazi esterni non potranno godere di questa nuova misura. Lutz Leichsenring, portavoce della Berlin Club Commission, sostiene che “Fino ad oggi i club sono riusciti a sopravvivere alla chiusura anche grazie agli aiuti finanziari federali e statali, anche se tali aiuti sono spesso arrivati in ritardo”. Questo modalità di assistenza finanziaria dovrebbe esaurirsi nel mese di giugno, lasciando nuovamente l’industria dei club in una situazione di incertezza economica.

Dal 18 giugno si potrà ballare all’aperto?

Klaus Lederer, senatore della cultura di Berlino, dal 18 giugno vuole far tornare a ballare i berlinesi. Lunedì, durante una seduta al comitato per la cultura, ha affermato: “Noi come amministrazione culturale potremmo non volere 1000 persone contemporaneamente, ma con un certo numero di persone vogliamo consentire attività all’aperto, comprese le attività di danza”. In molti sostengono che questo sia anche un modo per arginare il fenomeno dei rave illegali che hanno luogo ogni weekend in giro per Berlino. Per ora rimane un’ipotesi, ma la maggior parte dei gestori è pronta a riaprire in sicurezza. Tuttavia, l’entusiasmo viene smorzato dalle limitazioni dei partecipanti; in molti si chiedono se valga la pena riaprire.

 

Leggi anche: ÆDEN, Berlino apre un nuovo locale per open air party a Kreuzberg

 

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

 

Immagine di copertina: Dj consolle in club Pixabay CCO

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *