Come Tubinga può diventare un esempio nella lotta al Covid in Germania

La città ha lanciato il programma ‘Öffnen mit Sicherheit’ per riaperture in sicurezza. La strategia: più test e meno restrizioni

Mentre la curva dei contagi torna a salire in tutta la Germania, la città tedesca di Tubinga vuole dimostrare che alcune restrizioni possono essere eliminate se si adotta la giusta strategia. La chiave per la riuscita del progetto è la disponibilità di tamponi. Solo così si permetterà a cinema, teatri e altre attività di rimanere aperti.

A Tubinga ripartono teatri e cinema

Lo Zimmertheater di Tubinga è il primo teatro in Germania a riaprire al pubblico. Per entrare, è necessario avere un biglietto e un test Covid negativo. Dieter e Peer Ripberger, direttori del teatro, sono al settimo cielo. “È una bella sensazione dopo quattro mesi di orari ridotti”, dicono. “Ma allo stesso tempo siamo consapevoli della responsabilità che ci assumiamo come parte di questo progetto”. Per ora, i teatri e i cinema di Tubinga possono riaprire fino al 4 aprile e possono ammettere solo spettatori risultati negativi a un tampone fatto il giorno stesso. All’interno rimane comunque obbligatorio tenere la mascherina. Secondo il Commissario regionale per la pandemia, Lisa Federle, il programma ‘Öffnen mit Sicherheit’ funziona. “Stiamo monitorando la situazione 24 ore su 24”, ha assicurato. “La curva è aumentata leggermente nonostante il maggior numero di contagi rilevati e l’eliminazione di alcune restrizioni. Questo ci mostra che è il modo giusto per affrontare questa crisi”. Per Federle la strategia dei test è l’unica via per riaprire in sicurezza nell’attesa che la campagna di vaccinazione dia finalmente i suoi frutti. Anche l’Università di Tubinga contribuisce al progetto. L’obiettivo è verificare se teatri e cinema favoriscano o meno la diffusione del virus. Federle ha detto che le chiusure continue non sono la soluzione e che alle persone e alle attività serve vedere un allentamento delle restrizioni. Nessuno ha affrontato una crisi così prima d’ora, ha aggiunto, e un progetto come questo offre un barlume di speranza. “Anche se non dovesse funzionare, almeno ci abbiamo provato. È sempre meglio che non fare nulla”.

Aumentare i test e monitorare i contagi

Anche il sindaco di Tubinga, Boris Palmer, si dichiara soddisfatto e percepisce nei suoi concittadini il desiderio di voler ripartire. “La richiesta di tamponi è così alta che il nostro compito ora è aumentarne la disponibilità oltre i 250.000 che attualmente vengono effettuati”, ha specificato. La città ha disposto otto centri dove poter fare i tamponi, tutti attivi sei giorni alla settimana. Se il nuovo approccio funziona, ha aggiunto il sindaco, “lo si potrà applicare in tutto il Paese”. Ma bisogna comunque monitorare il tasso di incidenza, che sta lentamente salendo anche a Tubinga. “Se diventiamo una zona ad alta incidenza nonostante la nostra strategia, allora saremo costretti ad abbandonare il progetto”, ha precisato.

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter
XMA Header Image
Corsi di tedesco a Berlino: intensivi, serali e private o su Zoom: il calendario di Berlino Schule – BerlinoSchule
berlinoschule.com

Immagine di copertina: © Pixabay

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *