Bacharach, un salto indietro nel passato

Bacharach: la magia della cittadina storica che giace sul Reno, il luogo perfetto per un ritorno al passato

Bacharach è una piccola cittadina tedesca situata sulla gola del Reno, patrimonio mondiale dell’UNESCO e si estende dalla Coblenza a nord fino alla Magonza, nel sud della Germania. Caratterizzata da numerosi vigneti che costeggiano le colline, la città è conosciuta anche per gli affascinanti edifici storici, le strade acciottolate e il grande castello antico. Bacharach venne fondata come colonia celtica e il suo nome deriva da “Baccarum”, il dio Bacco, poiché già ai tempi dei romani il suo territorio era conosciuto per i suoi numerosi vigneti. Infatti, fin dall’antichità Bacharach ha rappresentato uno dei principali centri di commercio del vino sia all’interno della regione, ma anche al suo esterno. Di seguito, le 8 attrazioni da non perdere.

1. Vigneti e cantine

Una delle principali attività che si possono svolgere a Bacharach è un tour dei vigneti accompagnato da degustazione e acquisto di vini. Proprio qui, infatti, vengono prodotti i vini più ricercati, tra cui il Riesling, il Pinot Bianco e il Dornfelder.

View this post on Instagram

#Bacharach #deutschland #germany #fairytail

A post shared by John Pratt (@johnkpratt) on

2. Crociera sul fiume

La rinomata cittadina è un’importante tappa nella maggior parte delle crociere sul Reno, attraverso le quali è possibile godersi lo spettacolo del paesaggio fiabesco, caratterizzato da rigogliosi vigneti, cittadine pittoresche e castelli antichi, per i quali la Valle del Reno si è guadagnata lo status di patrimonio mondiale dell’UNESCO.

3. Chiesa di San Pietro

La Chiesa di San Pietro è la più grande di Bacharach e domina lo skyline della città. Si tratta di una chiesa romanica in cui è possibile notare un’influenza dello stile gotico francese. La sua unicità è resa da una struttura semplice ed elegante, e da splendidi affreschi.

4. Castello di Stahlberg

Un’ altra meta molto apprezzata dai turisti appassionati di architettura antica e di rovine è il castello di Stahlberg. Venne costruito tra il 1158 e il 1168, tuttavia la maggior parte del castello oggi è in rovina.

5. Altes Haus

Costruita nel 1368, rappresenta uno degli edifici più antichi di Bacharach. Con la sua struttura a graticcio, torrette e frontoni rappresenta un edificio tipicamente gotico. Oggigiorno al suo interno ospita un ristorante molto apprezzato dai turisti per l’ambiente suggestivo in cui esso è locato.

6.Postenturm

Dalla storica torre di avvistamento di Postenturm è possibile godersi l’incantevole panorama del paesaggio con vista sui numerosi vigneti, sulla valle del fiume e sui monumenti più significativi di Bacharach.

7. Wernerkapelle

La Wernerkapelle rappresenta un’importante rovina gotica. E’ realizzata in arenaria a grana fine rossastra. All’interno del monumento vi è una lapide con una preghiera di Papa Giovanni XXIII, dedicata alla memoria della popolazione ebraica, sterminata attraverso torture disumane.

View this post on Instagram

Romantic Rhein ruins #wernerkappelle

A post shared by RosemaryO (@rosemaryo4) on

8. Castello di Stahleck

Il castello di Stahleck è un castello costruito tra la fine dell’XI e l’inizio del XII secolo nella gola del Reno. E’ situato su un’altura rocciosa a 160 metri sul livello del mare. Il nome del castello, infatti, è data dall’unione delle parole in medio alto tedesco “stahel”(acciaio) e “ecke” (angolo) e significa “espugnabile castello sulla roccia. La fortezze venne utilizzata come magazzino e luogo per scambi commerciali, tra cui il noto vino del Palatino. Durante la Guerra dei Trent’anni il castello fu distrutto dai numerosi attacchi francesi, e fu completamente ricostruito solo alla fine del 1960.

Leggi anche: 5 cose da vedere ad Augusta, città patrimonio dell’Unesco

Studia tedesco via Skype con lezioni private o collettive, corsi da 48 ore (max 8 persone) a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Immagine di copertina: Pixabay

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *