Lily Ebert TikTok - © TikTok

La nuova influencer di TikTok è Lily Ebert, una sopravvissuta di Auschwitz che balla raccontando la Storia

È la nuova influencer di TikTok Lily Ebert, sopravvissuta ad Auschwitz. Il suo profilo ha raggiunto più di un milione di follower

Ha 97 anni ed è una sopravvissuta di Auschwitz. Si chiama Lily Ebert la nuova influencer di TikTok che ha deciso di usare il social per spiegare ai più giovani la Shoah. Nel 2021, il suo profilo ha ottenuto più di un milione di follower. Nei video racconta la sua storia e spiega come è riuscita a sopravvivere. Si emoziona, ma mantiene sempre incredibile lucidità d’analisi mentre parla del numero tatuato sul braccio o della vita nel campo di sterminio. Afferma: “Sì, fu terribile. Ancora oggi, dopo più di 75 anni, anche solo parlarne fa male”. Lily Ebert è una delle ultime sopravvissute alla Shoah ancora in vita. Una vera e propria missione, la testimonianza. Un impegno di vita il suo, che le aveva valso, già nel 2015, la British Empire Medal (riconoscimento per impegni civili conferito dalla Corona britannica).

@lilyebert3️⃣ questions, answered by a ##holocaustsurvivor 🥰 ##97yearold ##socute ##learnontiktok ##questions ##askmeanything ##love ##history ##neverforget ##oldtok ##fy♬ The Magic Bomb (Questions I Get Asked) [Extended Mix] – Hoàng Read

TikTok per testimoniare

Ma non conosceva TikTok prima di quest’anno. A supportarla nella piattaforma è il pronipote Dove Forman, che gestisce il profilo e realizza i filmati. La decisione di sbarcare su TikTok arriva dopo la richiesta della donna di ritrovare un soldato americano ebreo che, ai tempi della liberazione, le aveva regalato una banconota con su scritto “Buona fortuna e felicità”. E così la Ebert è diventata in brevissimo tempo un’influencer, al servizio della memoria attraverso la testimonianza. Il racconto parte sempre da domande poste dagli utenti, le più svariate. Come questa: “Crescevano fiori ad Auschwitz?”, a cui lei risponde: “No. Non c’erano fiori. Ma so soltanto una cosa: se ci fossero stati, li avremmo mangiati”.

 

@lilyebertReply to @piginasuit_93 ‘I could not even dream of escaping!’ 💔🥺 ##history ##holocaustsurvivor ##neverforget ##blowthisup ##viral ##learnontiktok ##jew ##fy

♬ Calm – Relaxing Music

La vita di Lily Ebert

Lily Ebert è nata a Bonyhád, nell’allora Regno di Ungheria, nel 1923. Fu deportata ad Auschwitz-Birkenau nel luglio 1944, insieme alla madre, al fratello più piccolo e alle tre sorelle. Nina, la madre, e Berta, la sorella più piccola, vennero immediatamente uccise nelle camere a gas. Lily e le altre due sorelle furono invece selezionate per i lavori forzati. Quattro mesi dopo le trasferirono vicino Lipsia, per lavorare in una fabbrica di munizioni. Dopo la liberazione Lily lasciò la Germania per iniziare una nuova vita in Svizzera. Solo nel 1953 ritrovò il fratello maggiore, anche lui sopravvissuto ai campi di sterminio nazisti. Insieme la famiglia si trasferì in Israele, dove Lily si sposò ed ebbe tre figli. Nel 1967 scelse Londra come sua casa definitiva. Da qui arrivano i video che la ritraggono sempre pronta a ricordare uno degli orrori più grandi, apparentemente inesprimibile, del nostro vicino passato.

@lilyebert

Reply to @_candleking Have a nice weekend, Shabbat shalom Tiktok fam ❤️##weekend ##family ##love ##greatgrandma ##survivor ##greatgrandson ##jew ##shabbat ##uu

♬ Fly Away – Tones and I


 

 

 

Leggi anche: Auschwitz si indigna per i contenuti Tik Tok a tema Olocausto, sulla banalizzazione della memoria che può passare attraverso le piattaforme social.

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Immagine di copertina: Auschwitz da  ©Bundesarchiv, Stanislaw Mucha, CC-BY-SA 3.0

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *