La Germania ha nuove località sotto tutela dell’UNESCO

La Germania ha nuove località sotto tutela dell’Unesco. Ecco dove si trovano e quali sono le caratteristiche di questi nuovi siti

La Germania ha nuove località poste sotto la tutela dell’Unesco. Nella giornata di sabato 24 luglio, il Comitato dell’Unesco ha eletto e aggiunto nuovi siti alla lista dei luoghi patrimonio dell’umanità. Il nuovo gruppo di località include molteplici città termali europee. Esse sono state scelte per la loro eccezionale testimonianza del fenomeno termale europeo sviluppatosi dal 1700 al 1930. Tra queste, sono presenti località della Francia, Austria e anche della Germania. Vediamo dove si trovano e quali sono le caratteristiche che le contraddistinguono, qualificandole ufficialmente come patrimonio culturale mondiale.

I nuovi siti patrimonio Unesco in Germania

Il Comitato Unesco si è riunito sabato scorso in Cina per riesaminare i siti appartenenti al patrimonio mondiale dei beni artistici e culturali. Durante la seduta, undici stazioni termali situate in sette diversi stati europei sono state ufficialmente nominate siti Unesco. Secondo il comitato, si tratta di quelle località termali che hanno maggiormente contribuito al fenomeno termale europeo nato all’inizio del XVIII secolo e continuato fino al 1930. La commissione ha spiegato che si tratta di “città sviluppate intorno alle fonti di acqua minerale che sono state il catalizzatore di un modello di organizzazione spaziale dedicato a funzioni curative, terapeutiche, ricreative e sociali”. Tra le località termali nominate patrimonio mondiale rientrano ben tre siti tedeschi: Baden-Baden, Bad Ems e Bad Kissingen.

1. Baden-Baden

Baden-Baden si trova nello stato federale del Baden-Württemberg. Le fonti di acqua calda della città furono scoperte per la prima volta dai romani durante il loro insediamento nel territorio. Dalla fine del XVIII secolo, Baden-Baden è considerata un’esclusiva meta termale frequentata dall’alta società. È in questo periodo che sono stati costruiti numerosi hotel di lusso, la Kurhaus, la Casa delle Cure (con l’adiacente casinò) e l’edificio delle terme Friedrichsbad. La località è situata sulle rive dell’Oos, un affluente del Reno.

Baden-Baden è caratterizzata da un lungo viale, il Lichtentaler Allee, che attraversa la città. Ricca di numerosi parchi e giardini, la località presenta importanti monumenti di interesse come il Castello Nuovo (Neues Schloss), costruito tra il XV e il XVII secolo al centro della città, e il convento di Lichtenthal. Vi è poi la Marktplatz, la piazza del mercato, con la Stifskirche, chiesa in stile gotico risalente al XV secolo. Nella sala chiamata Trinkhalle è possibile bere le acque medicinali, mentre la collina Merkurberg offre una splendida vista sulla città. A Baden-Baden si trova inoltre la Brahmshaus, il museo dedicato al compositore tedesco Johannes Brahms.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Baden-Baden Official (@visitbadenbaden)

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Baden-Baden Official (@visitbadenbaden)

2. Bad Ems

Situata nella regione della Renania-Palatinato, questa località è il capoluogo del circondario Rhein-Lahn-Kreis. La Emser Therme è la sorgente di acqua calda che ha permesso alla località di diventare una delle stazioni termali più apprezzate. Uno dei luoghi d’interesse è la chiesa russo-ortodossa dedicata a Santa Alessandra e costruita per i numerosi visitatori russi che frequentarono in passato Bad Ems. Qui si trova anche il casinò più antico di tutta la Germania.

La Haus Vier Türme (letteralmente, casa dalle quattro torri) è una costruzione in stile barocco che risale alla fine del XVII secolo. Essa deve il proprio nome alla presenza di quattro torri posti agli angoli dell’edificio. Fu la residenza estiva dello zar Alessandro II. In passato, venne frequentata da personaggi illustri, tra cui alcuni monarchi europei. Accanto si trova lo stabilimento balneare costruito nel 1845 e rimasto in funzione fino agli anni Sessanta del Novecento. Oggi, la struttura ospita un ristorante e un teatro. Infine, il punto panoramico Ernst-Vogler-Way offre una meravigliosa vista su questa località termale, ora patrimonio Unesco, che merita di essere visitata.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Lukas Pohlmeyer (@lukaspohlmeyer)


3. Bad Kissingen

La città di Bad Kissingen fa parte del land della Baviera. È bagnata dal Saale di Franconia, un affluente del Meno. Durante l’estate, la località ospita un festival di musica classica. Oltre alle terme, che rappresentano il fulcro della città, a Bad Kissingen si trovano il castello Botenlauben, il museo Bismark, il Regentenbau, sala da concerto inaugurata nel 1913, e il giardino con i portici progettato dall’architetto Friedrich von Gärtner. Tra le cose da fare, non può certamente mancare una passeggiata alla Wandelhalle, ideata da Max Littmann.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Bad Kissingen (@badkissingen.entdeckediezeit)

Le altre nuove località europee patrimonio Unesco

Oltre a quelle tedesche, le altre nuove località nominate dal comitato patrimonio Unesco sono: Vichy in Francia, il comune austriaco di Baden bei Wien, Spa in Belgio, tre città della Repubblica Ceca (Karlovy Vary, Frantiskovy Lazne e Marianske Lazne) e Bath, nel Regno Unito. Per quanto riguarda l’Italia, invece, troviamo come nuovo sito Unesco la stazione termale di Montecatini Terme. Vi è inoltre un altro monumento di cui si sta discutendo negli ultimi giorni: i portici di Bologna. Il Comitato sta pensando se far rientrare nella lista dei beni patrimonio dell’umanità anche i famosi portici bolognesi.

Leggi anche: 10 luoghi UNESCO in Germania da visitare assolutamente

 

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Immagine di copertina: Germania, Pixabay, CC0, https://pixabay.com/it/photos/reichstag-il-volke-tedesco-germania-324982/

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *