Kroll Opera, la vecchia Opera di Berlino diventata sede del “Reichstag” di Hitler

La Kroll Opera, edificio unico nel suo genere, da teatro d’Opera a sede del Reichstag

Dal 1844, a pochi passi dalla Porta di Brandeburgo, si ergeva la Kroll Opera, un’incredibile edificio con splendide stanze decorate con fiori. Nel susseguirsi della sua storia, l’edificio ha avuto diversi proprietari e da luogo di intrattenimento è diventato teatro di Opera e, per un periodo, anche sede del Reichstag, dopo l’incendio di quest’ultimo nel 1933.

La sua storia

La storia del Kroll Opera inizia nel 1937, anno in cui l’imprenditore Joseph Kroll aprí il “Kroll Winter Garden” a Breslavia. Quando il nuovo re prussiano Federico Guglielmo IV fece visita alla città nel 1841, fu scelta proprio la Kroll Opera come struttura per intrattenerlo. Il re ne fu subito affascinato tanto da suggerire di costruire qualcosa di simile anche a Berlino, affinché ne diventasse il nuovo centro sociale della nobiltà. Dopo una consultazione con il direttore del giardino e altri membri del Governo, si decise che il sito sarebbe stato costruito sul lato ovest della piazza d’armi del parco Tiergarten. Si stabilirono inoltre le condizioni d’utilizzo: Kroll avrebbe potuto usare la proprietà senza spese, ma se il progetto fosse fallito avrebbe dovuto restituire il terreno e demolire tutte le strutture. L’edificio venne costruito in soli 10 mesi e inaugurato il 15 febbraio 1844. Sebbene fosse un edificio unico nel suo genere, e l’attività otteneva risultati soddisfacenti, i costi di mantenimento erano alti e fu sempre più difficile sostenerli. Dopo la morte di Joseph Kroll, fu la figlia maggiore, Auguste, a succedergli. Espanse l’edificio in un “Giardino nazionale del popolo”, e istituì un teatro estivo permanente con spettacoli all’aperto. Lei e il marito, Jakob Engel, si prodigarono molto per far funzionare il Kroll Opera. Nonostante ciò, furono costretti a chiudere i battenti il 1 aprile 1855, poiché i guadagni erano inferiori ai costi operativi. Engel riacquistò di nuovo il Kroll all’asta nel 1862, ma non ritornò mai ai suoi albori. Il figlio, infatti, tentò di portare avanti ciò che avevano iniziato i genitori ma fu costretto a venderlo nel 1894 poiché c’era disinteresse da parte del pubblico berlinese. La compagnia teatrale reale prussiana Königliche Schauspiele acquistò l’edificio nel 1895 e il Kroll fu ricostruito come Nuovo Teatro dell’Opera. Infine, dopo l’incendio del Reichstag del 1933, il parlamento scelse il Kroll come sua sede. Durante la Seconda Guerra Mondiale la Kroll Opera fu parzialmente distrutta. Ciò che ne restò fu demolito nel 1957.

Reichstag, Eröffnungssitzung © Bundesarkiv da Wikimedia CC 3.0 

Il Kroll Opera nella cultura popolare

Grandi mostre, concerti e balli svolti in scenografie riccamente costruite attirarono il “re del Valzer”, Johann Strauss figlio che con la sua orchestra fu ospite al Kroll Opera nel 1945. Inoltre, nel corso degli anni sono state messe in scena opere di giovani compositori come Igor Stravinsky e Gustav Mahler, ma anche concerti popolari di Enrico Caruso e operette come Die Fledermaus.

Immagine copertina: Berlin, Krollgarten © Bundesarkiv da WikimediaCC 3.0

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche suFacebook, Instagram e Twitter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *