Alessandro Bellardita, I vostri diritti in Germania

I vostri diritti in Germania, il libro di un giudice italiano di Karlsruhe per aiutare gli italiani che vivono qui

Con I vostri diritti in Germania Alessandro Bellardita spiega in maniera semplice le basi della legge tedesca e affronta alcune delle più frequenti problematiche degli italiani in Germania

«Il mondo del lavoro, la casa, la famiglia, il rapporto del cittadino con lo Stato, i diritti sociali, l’automobile e la patente, il diritto penale e i diritti dei consumatori in Germania: sono solo alcuni dei capitoli, in totale 11, di I vostri diritti in Germania , temi fondamentali per gli italiani che vivono qui a cui ho aggiunto tre capitoli sul storia della Costituzione tedesca, che è colma di interessantissimi aneddoti, talvolta anche sconosciuti ai tedeschi e che ci mostra una faccia quasi inedita del Paese nel dopoguerra, non-nazista, che si è battuta per i diritti civili e l’abolizione della pena di morte». A parlare così è Alessandro Bellardita, classe 1981, nato a Modica, ma cresciuto a Karlsruhe dove ora lavora come giudice penale. «Il libro può interessare ugualmente a chi vuole soltanto conoscere meglio la società tedesca, anche se non ha un contenzioso giuridico da affrontare è nato dalle domande che negli anni mi sono state poste dai lettori della rubrica che tengo sul Corriere d’Italia. Sono tre, fondamentalmente, i temi ricorrenti che più toccano gli interessi della comunità italiana in Germania: il lavoro, l’affitto e lo Jugendamt».  Di Alessandro Bellardita avevamo già scritto qualche tempo fa grazie ad un bel libro dedicato a Fabrizio De André di cui è autore.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Alessandro Bellardita (@alessandrobellardita)

Il lavoro e licenziamento in Germania

«La maggior parte degli italiani si trasferiscono in Germania per lavoro. Nonostante la ripresa economica e la riduzione del tasso di disoccupazione prima della pandemia, oggi però nessuno può dirsi sicuro sul proprio impiego. Il lockdown e le misure di contenimento del Covid19 hanno danneggiato il tessuto economico – anche quello tedesco. Anche per questo è indispensabile sapere come difendersi da un licenziamento. Oggigiorno è sempre più difficile per il datore di lavoro dichiarare un licenziamento a norma di legge, le leggi sul lavoro sono sempre più severe. Per questo, nella maggior parte dei casi, al lavoratore conviene far esaminare la lettera di licenziamento da un avvocato o dal rispettivo sindacato, ammesso che questo nel proprio settore lavorativo esista subito dopo averla ricevuta».

I diritti dei cittadini in Germania, i contratti d’affitto

«Un altro tema sostanziale riguarda gli affitti: le locazioni abitative nel diritto tedesco sono sottoposte ad una disciplina legislativa che tende a limitare la libertà contrattuale dei locatori. Infatti in Germania le leggi tutelano gli inquilini, tanto che i giuristi questo aspetto lo definiscono come la componente sociale del diritto di locazione. Nonostante ciò, in Germania per affittare un appartamento è sufficiente firmare un contratto d’affitto (Mietvertrag). Non esiste, dunque, l’obbligo di registrare il contratto di locazione presso un ente comunale oppure un ufficio statale».

«Un tema che fa bollire gli animi: lo “Jugendamt”»

«In Germania opera, questo istituto statale, che spesso viene confuso con l’ufficio del servizio sociale per i minori. Il suo ruolo, invece, è molto più ampio e le sue possibilità d’intervento – sia a livello amministrativo che a livello giudiziario – innumerevoli. Il suo compito ufficiale, a norma dell’art. 6 comma 2 della Costituzione tedesca, è quello di occuparsi della tutela dei bambini e di vigilare sulla patria potestà. Il concetto di tutela e vigilanza, però, è sostanzialmente diverso da quello inteso in Italia. Lo Jugendamt, infatti, lavora in stretta collaborazione con molti enti amministrativi, con le scuole, le forze di polizia e soprattutto con i tribunali familiari. Se ritiene che in uno degli ambiti relativi alla crescita del bambino ci sia una mancanza da parte dei genitori, interviene chiedendo al tribunale di emettere un’ordinanza che limita il diritto di affido dei genitori sul figlio oppure li sostituisce nella sua esecuzione».

I vostri diritti in Germania

di Alessandro Bellardita

Tredition Editore

Acquistabile su Amazon o in libreria, previa prenotazione

prezzo: 15.90 €

 

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *