Germania, serpente in fuga: 10 appartamenti evacuati

Colonia, la fuga di un serpente corallo ha spinto 10 famiglie ad evacuare i propri appartamenti

È successo in un condominio a Colonia questo lunedì. Dieci famiglie sono state obbligate ad evacuare altrettanti appartamenti nelle prime ore del mattino a causa della presenza di un serpente appartenente alla specie “corallo del capo”(Aspidelaps lubricus). Seppure cucciolo, questo tipo di serpente resta pur sempre estremamente velenoso. Le autorità infatti avrebbero consigliato la massima cautela e sul posto sono giunti anche 20 vigili del fuoco e alcuni esperti dello zoo locale.

Non era l’unico serpente presente nell’edificio

Il proprietario, che aveva i permessi in regola per tenere i serpenti nel proprio appartamento, oltre all’esemplare in fuga accudiva altri 11 serpenti. È stato proprio lui ad avvisare i vigili e lo zoo dopo averne notato la scomparsa. Secondo le informazioni, è un serpente sudafricano lungo circa 20 centimetri e con un piccolo diametro. Anche se le quantità di veleno sono ridotte rispetto a quelle di un animale adulto, in caso di morso il piccolo può alzarsi in piedi come un cobra quando attacca.

I vigili e i ricercatori rassicurano i residenti

I vigili del fuoco hanno annunciato tramite Facebook che, grazie alle misure di protezione introdotte, i residenti non correrebbero alcun rischio in quanto dopo aver controllato seminterrato ed aree esterne hanno constatato che essendo un animale la cui attività dipende dalle condizioni atmosferiche, quest’ultimo sarebbe già caduto in uno stato di torpore (uno stato di attività notevolmente ridotta) a causa del freddo estremo.

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *