Germania, nuova legge per limitare il potere di Apple, Google, Amazon, Facebook & Co.

La Germania introduce una nuova legge sulla concorrenza per limitare e controllare le società di internet più potenti

Il Parlamento tedesco ha approvato una legge che ha lo scopo di limitare il potere di alcune tra le piattaforme e società più potenti di internet come Apple, Google, Amazon, Facebook & Co. Normalmente la Germania non è tra i primi stati ad imporre legislazioni sulle questioni digitali ma questa volta si pone in prima linea sul tema. A tal proposito, il deputato socialdemocratico Falko Mohrs si è espresso: “Stiamo assumendo un ruolo pionieristico. Siamo il primo paese al mondo ad essere così proattivo contro queste grandi piattaforme”. La Germania, per mezzo di questa nuova legge sulla concorrenza della digitalizzazione, mira a frenare l’eccessivo potere sui mercati dei giganti di internet.

Antitrust: la decisione della Germania

La Germania ha deciso di non attendere che anche il resto dell’Unione Europea adottasse una legislazione che regolasse queste società. Il Parlamento tedesco ha quindi varato la legge sulla concorrenza, la quale dovrebbe sia frenare lo strapotere dei giganti di internet  (i cosiddetti “Gafa”: Google, Apple, Facebook ed Amazon), sia proteggere la concorrenza e l’economia sociale del mercato digitale. Nonostante l’approvazione della legge abbia visto una maggioranza più ampia della coalizione di Cdu e Spe, anche i Verdi hanno si sono mostrati favorevoli a tale legislazione. Dato l’alto numero di assensi, dunque, la modifica della normativa antitrust entra in vigore subito. Purtroppo oggi è necessario bloccare il comportamento improprio di aziende digitali che hanno un peso eccessivo sul mercato e proprio per questo il provvedimento prevede due misure. In primo luogo, l’antitrust tedesca potrà rafforzare i suoi poteri d’indagine nei confronti delle aziende e, inoltre, potrà controllare meglio le fusioni sul mercato digitale. Per rendere più equa possibile la concorrenza nel mondo digitale, questa legge, ad esempio tra i risultati della ricerca, mira a vietare ai giganti di internet di mettere le proprie offerte in primo piano rispetto a quelle dei concorrenti e ciò significa una maggiore scelta per i consumatori.

La nuova legge antitrust si presenta come “progetto pioneristico”

La nuova legge pioneristica si chiama “Digital Markets Act”. A portare avanti tale proposta di legge è stata la commissaria Ue, Margrethe Vestager e il commissario al Mercato interno, Thierry Breton. In concreto, uno degli obbiettivi della legge sui mercati digitali è quello di ridurre l’inclinazione dei motori di ricerca, social network o servizi di intermediazione online ad applicare pratiche sleali, come per esempio obbligare gli utenti a disinstallare software o applicazioni preinstallati. Le imprese che violeranno le regole di concorrenza potrebbero essere multate fino al 10% del loro fatturato annuo. Potrebbe anche essere richiesto di vendere una delle loro attività o parti di essa (inclusi diritti o marchi). Infine, le piattaforme che rifiutano di conformarsi alla nuova regolamentazione potrebbero avere il loro servizio temporaneamente sospeso.

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *