Berlino, BVG lancia ‘biglietto della cultura’ per aiutare il mondo dell’arte

1 euro in più sul costo del biglietto per supportare il settore culturale berlinese: la nuova iniziativa della BVG partirà da lunedì 14 giugno

Da lunedì i viaggiatori delle metro, dei tram e dei bus di Berlino potranno dare un piccolo contributo per la ripresa delle attività culturali nella capitale. Il settore culturale è infatti uno dei più colpiti dalla pandemia. A causa dei ripetuti lockdown, da un anno a questa parte, infatti, molti organizzatori di mostre e galleristi hanno dovuto annullare eventi culturali. La BVG ha per questo lanciato un’iniziativa temporanea a sostegno della scena culturale indipendente della capitale. Si chiama «Biglietto della cultura»: il prezzo di tre euro per le zone interne AB, da lunedì 14 giugno e fino al 18 luglio verrà aumentato di 1 euro. Il supplemento (volontario) andrà direttamente a sostenere il settore culturale di Berlino, ha annunciato la BVG. In particolare, ne beneficeranno artisti indipendenti non sovvenzionati dallo stato, come DJ e musicisti ma anche club o cinema e teatri privati. Questa iniziativa va a unirsi alle misure economiche del governo tedesco che dal 2020 sono state adottate per sostenere la cultura.

Berlino torna a essere se stessa

La descrizione del video pubblicitario della BVG recita: «Bassi roboanti, performance di un altro mondo, arte che coinvolge. Gente che balla, meravigliata ed euforica. Una metropoli dove i giorni si trasformano in notti e le notti in giorni. Questa è Berlino, questa è la nostra cultura. La ragione per cui milioni di persone vengono in questa città ogni anno. Ma tutto questo manca da troppo tempo. Berlino è stata derubata della sua identità». In questo ultimo anno, infatti, Berlino ha perso molto della sua caratteristica atmosfera da metropoli alternativa, popolata da artisti e animata da progetti di ogni tipo. Il Covid ha spento un po’ Berlino: le persone chiuse in casa, i locali e gli storici club chiusi, le strade vuote raccontavano di una città incompleta. È dal 4 giugno, infatti, che l’allentamento delle restrizioni ha permesso un primo (tanto atteso) ritorno alla vita e alla tipica atmosfera berlinese.

L’impegno del governo tedesco a sostegno della cultura

L’iniziativa della BVG si inserisce in un progetto più ampio di rilancio culturale. Da circa un anno il governo tedesco ha stanziato diversi fondi per aiutare i lavoratori del settore culturale messi duramente in crisi dalla pandemia. Nell’estate 2020, il governo ha aumentato il budget destinato all’acquisizione di opere d’arte contemporanea da 500 mila euro a 3 milioni di euro. Molti artisti, organizzatori di mostre e galleristi hanno quindi beneficiato di questi interventi governativi. A febbraio 2021, il governo ha inoltre annunciato di stanziare un miliardo di euro per il rilancio dell’industria culturale. Per quanto riguarda il Biglietto della cultura, la responsabile BVG per le vendite e il marketing Christine Wolburg ha affermato che in base al numero di biglietti AB solitamente venduti ogni giorno, si prevede che entro sei settimane si raggiunga una somma considerevole. In qualità di partner di cooperazione, PSD Bank ha anche promesso di raddoppiare l’importo della donazione dalla vendita dei biglietti fino a un importo di 75.000 euro.

Qui trovate più informazioni sull’iniziativa della BVG.

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Immagine di copertina: © Fionn Große, Unsplash

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *