L’Europa chiude i confini. Ecco cosa succede esattamente

La decisione dell’UE e della Germania: chiudere le frontiere extraeuropee per limitare il contagio

L’Unione Europea sta chiudendo le frontiere, imponendo un divieto d’ingresso di 30 giorni ai cittadini extracomunitari per rallentare la diffusione del Coronavirus. La cancelliera tedesca Angela Merkel ha annunciato il provvedimento nella serata di martedì 17, assicurando che le persone nei paesi membri possono ancora muoversi liberamente tra i paesi. Il divieto è entrato in vigore immediatamente. Mentre l’obiettivo primario è quello di contenere la diffusione del Coronavirus, i funzionari hanno anche chiarito che l’intervento è volto a ridurre la pressione sui sistemi sanitari. Il divieto prevede una manciata di eccezioni, tra cui i cittadini di Norvegia, Svizzera, Gran Bretagna e Andorra, nonché i cittadini di paesi terzi con diritto di soggiorno di lunga durata in un paese dell’UE. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, la mossa è la più draconiana presa finora dai 27 Paesi dell’UE sulla scia della pandemia di COVID-19, il cui epicentro è ora in Europa. Ci sono più di 76.000 casi confermati in Europa e 3.000 morti. In tutto il mondo, il numero di casi ha superato le 190.000 unità e il numero di morti si avvicina a 8.000.

La Germania e la Francia, tra i paesi più duramente colpiti della regione, avevano già imposto ai loro cittadini nuove restrizioni volte ad aumentare la distanza sociale.

La misura straordinaria dell’UE ha seguito l’esempio degli Stati Uniti , dove la settimana scorsa il Presidente Trump ha ordinato il divieto di ingresso per i cittadini non statunitensi di quasi tutti i paesi dell’UE.  La Presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen ha proposto il divieto di viaggi ‘non necessari’ nel blocco di martedì. La comunità europea ha chiesyo anche la partecipazione dei quattro Stati non membri dell’UE che fanno parte della zona di libero scambio Schengen. «Meno viaggi ci sono, più possiamo contenere il virus», ha detto la Presidente.

Le parole di Macron e Merkel

In un discorso alla televisione nazionale di lunedì, il Presidente francese Emmanuel Macron ha detto che la mossa significa che tutti i viaggi tra i paesi UE e non UE “saranno sospesi”. Ha inoltre aggiunto che le misure applicate in Francia – che ha visto più di 6.600 infezioni da cornavirus e quasi 150 morti nelle ultime settimane – sono senza precedenti in tempo di pace, dichiarando: «Siamo in una guerra sanitaria». Allo stesso modo, la Germania – che ha segnalato 1.000 nuove infezioni in un periodo di 24 ore portando il totale a più di 7.000, con 17 morti – ha annunciato lunedì la chiusura delle frontiere con le vicine Francia, Austria, Lussemburgo, Danimarca e Svizzera. Le scuole erano già state chiuse, mentre lunedì la Cancelliera Angela Merkel ha ordinato di vietare le funzioni religiose e di chiudere la maggior parte dei negozi diversi da quelli di alimentari. Ha spiegato ai tedeschi di cancellare i loro piani di viaggio. «Meglio tutti si attengono a queste regole, più velocemente supereremo questa fase», ha detto la Merkel in una conferenza stampa a Berlino, secondo la BBC.

Leggi anche: La Germania invierà 1500 tute mediche alla Lombardia grazie un deputato tedesco, l’Ambasciata italiana e due curatrici d’arte

Studia tedesco via Skype con lezioni private o collettive, corsi da 45 ore collettivi (max 8 persone) a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter!

Immagine di copertina: Pixabay

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *