Germania, zoo a fuoco per festeggiamenti di capodanno. Morti più di 30 tra gorilla, scimmie e uccelli

Tragedia nella notte tra San Silvestro e Capodanno: a fuoco un’intera area dello zoo di Krefeld. Ancora si contano le vittime.

Incendiata l’Affentropenhaus, la casa delle scimmie dello zoo di Krefeld, città occidentale della Germania, non lontana sia da Duisburg che dal confine olandese: è accaduto all’alba del primo gennaio 2020. Vittime circa una trentina di animali tra cui cinque orangutan, un gorilla di ben 48 anni, scimmie,  volpi, pipistrelli e altri uccelli. Salvi solo due scimpanzé. La causa dell’incendio è legata ai festeggiamenti per l’arrivo del nuovo anno e più precisamente alla lanterne cinesi lanciate in volo da una donna con due figlie residente nelle vicinanze dello zoo.

Zoo in fiamme in Germania, cosa sembra che sia accaduto

Pochi minuti dopo la mezzanotte la casa delle scimmie dello zoo di Krafeld è andata in fiamme. L’intervento dei vigili del fuoco è stato prontissimo, solo 38 minuti dopo la mezzanotte, ma non abbastanza. L’incendio è stato contenuto alla sola casa delle scimmie (costruita nel 1975 e che a breve sarebbe stata messa da parte per un nuovo spazio all’aperto), ma per quasi tutti gli animali ospitati non c’è stato niente da fare. Secondo le prime ricostruzioni l’incendio sarebbe iniziato a causa di un gruppo di lanterne cinesi lanciate in aria per festeggiare il nuovo anno e che, nel loro percorso, hanno incrociato la casa delle scimmie rimanendo impigliate nella struttura. Una versione confermata dal capo della polizia Gerd Hoppmann: «Testimoni hanno riferito di aver visto quelle lanterne volare a bassa quota vicino allo zoo che poi ha iniziato a bruciare» e che avrebbe come indiziate una donna e due figlie costituitesi il giorno successivo come autrici del lancio di cinque lanterne cinesi.

View this post on Instagram

Ich finde immer noch keine Worte dafür, wie sehr mich diese Nachricht getroffen hat 💔 Dass @popeye257 und ich gerne in Zoos gehen ist kein Geheimnis. Das Foto von uns ist im #zookrefeld entstanden, weit bevor wir offiziell zusammen waren… es war unser erstes Foto zusammen. Wir haben so viele schöne Erinnerungen in Zweisamkeit, weswegen es vielleicht noch mehr weh tut. Obgleich es eine Himmelslaterne und keine übliche Feuerwerkrakete war – wann hören wir endlich auf uns das Recht rauszunehmen irgendwas just for fun in die Luft zu schießen?! Fragt doch mal die Pflegekräfte, die Polizisten oder die Feuerwehr wie viel Spaß das alles seit Jahren macht… Und ja ich weiß, dass hier der Auslöser eine bereits verbotene Himmelslaterne war – macht‘s aber auch nicht besser. Der Zoo braucht unsere Hilfe! Und wenn ich daran denke, wie viel Geld jeder ohne mit der Wimper zu Zucken ausgibt (Feuerwerkskörper, Essen bestellen, Klamotten kaufen etc.), fiel es mir nicht schwer, einen Beitrag zu leisten, um zu helfen! Jede Spende ist Goldwert! Zoofreunde Krefeld Sparkasse Krefeld IBAN: DE42 3205 0000 0000 3177 43 BIC: SPKRDE33 Verwendungszweck: Spende Affenhaus * * * * #zoo #zookrefeld #silvester #feuerwerk #affen #affenhaus #spende #einherzfürtiere

A post shared by Susan 26 (@oliviasusa) on

Incendio allo zoo, le reazioni

La notizia ha fatto il giro del mondo. Dalla propria pagina Facebook i gestori dello zoo hanno sottolineato tanto la gravità della tragedia quanto il miracolo del ritrovamento di ben due scimpanzé ancora in vita. Decine di persone si sono recate in queste ore nella struttura per lasciare fiori e messaggi di affetto verso le bestie. Lo zoo ha aperto un conto bancario dove raccogliere donazioni sia per le cure dei due scimpanzé che per la ricostruzione di un’area adatta per le scimmie. Ecco i dettagli: Cassa di risparmio Krefeld. Iban: da 41 3205 0000 0000 0070 70. Bic: spkrde33xxx.

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Photo: Instagram – Six Rexys Kingdom – Zoo di Krefeld 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *