Germania, sciolta unità delle forze speciali compromessa dall’estrema destra

Il Ministro della Difesa ha deciso di sospendere le forze speciali KSK. 48mila munizioni e 62 chili di esplosivo sono spariti dall’arsenale

Non è Weimar per fortuna. Eppure, la decisione di sospendere e smantellare parzialmente alcune unità delle forze speciali KSK a causa delle infiltrazioni naziste riporta alla mente momenti oscuri della storia tedesca. L’annuncio è arrivato nella giornata di lunedì da parte del Ministro della Difesa Annegret Kramp-Karrenbauer (CDU). Quattro unità sono così compromesse dall’ideologia nazista da rendere necessaria la loro soppressione. Il resto delle KSK vedranno revisionate le loro pratiche di recrutamento, di allenamento e di leadership. Una tale radicale decisione arriva dopo una serie di episodi inquietanti. Qualche settimana fa, gli inquirenti avevano trovato a casa di un generale in pensione dal 2001 una serie di cimeli nazisti oltre che munizioni ed esplosivi. La quantità trovata è solo una parte di un totale di 48mila munizioni e 62 chili di esplosivo spariti dall’arsenale del KSK. Lo scorso anno, un ufficiale era stato allontanato per aver espresso opinioni da nostalgico dell’Impero che non riconosce la Repubblica federale. Tre anni fa, durante una festa di pensionamento i soldati delle forze speciali erano stati sorpresi a cantare canzoni neonazi e a fare saluti hitleriani. Il KSK ha fatto 25 anni lo scorso anno ed è stato impiegato in operazioni internazionali come in Jugoslavia e in Afghanistan, venendo spesso paragonato ai Navy Seals americani.

«Abbiamo cellule terroristiche dentro le nostre forze armate?»

«Abbiamo cellule terroristiche dentro le nostre forze armate? Non avrei mai pensato di fare questa domanda, ma dobbiamo farlo» ha dichiarato Patrick Sensburg, un legislatore conservatore del Comitato di supervisione dell’intelligence e Presidente dell’associazione dei riservisti. «La probabilità che non si tratti di casi isolati, ma che ci siano delle connessioni è ovvia e deve essere studiata a fondo», ha detto la Ministra Kramp-Karrenbauer. La Kramp-Karrenbauer ha aggiunto che ora vuole integrare meglio il KSK nel più ampio esercito per aumentare il controllo dell’unità. L’addestramento che era stato condotto separatamente dalle altre unità sarebbe stato aperto, i controlli di sicurezza delle nuove reclute sarebbero stati intensificati e il numero di anni di servizio dei soldati nella stessa compagnia sarebbe stato limitato. Inoltre, ci sono anche motivi culturali dietro all’eversione dei servizi speciali. Durante la Repubblica di Weimar, forze paramilitari deviate, le Schwarze Reichswehr, commettevano crimini contro la sinistra o la Francia.

Leggi anche: La Germania pensa “verde”: 12 mld di green bond pronti per il mercato

Studia tedesco via Skype con lezioni private o collettive, corsi da 48 ore (max 8 persone) a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Immagine di copertina: Pixabay

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *