Pubblicità ingannevole, Lidl multata: il grano non è italiano

Multa milionaria per la Lidl in Italia

L’Antitrust (Autorità garante della concorrenza e del mercato ) ha multato di un milione di euro la catena di supermercati tedesca Lidl in Italia. La multa arriva perché la Lidl ha fornito informazioni false riguardo i suoi prodotti pasta Combino e Italiamo. Il grano infatti sarebbe di provenienza estera.

Prodotto in Italia ma il grano proviene per la maggior parte dall’estero

L’Antitrust ha recentemente comunicato di aver avviato un procedimento in Italia contro alcune aziende che hanno fornito false informazioni riguardo la produzione di pasta di semola di grano duro. In particolare, la catena di supermercati Lidl è stata multata per un milione di euro per pratica commerciale scorretta. I suoi prodotti Combino e Italiamo, pubblicizzati e venduti online e nei negozi fisici, portano la dicitura “specialità italiana” e prodotto in Italia” sulla confezione ma in realtà ingannano i consumatori. Infatti, è stato accertato che da oltre un anno la miscela di grani duri utilizzati per la produzione della pasta è stata superiore al 50% di provenienza dall’Arizona, dal Canada e dalla California.

I prodotti Italiano e Combino sono molto diffusi anche in Germania

I procedimenti dell’Antitrust hanno coinvolto altre aziende italiane come Divella e De Cecco. Tuttavia, la multa milionaria è stata adottata solo nei confronti della Lidl che non ha collaborato nel corso della procedura istruttoria. In un tweet, Lidl Italia ha dichiarato che le confezioni dei propri prodotti hanno sempre contenuto le informazioni previste dalla legge. La celebre catena di supermercati tedesca vende i prodotti Combino e Italiamo anche in Germania, ma per il momento non ci sono state comunicazioni circa il cambio di dicitura. 

Leggi anche: Berlino, rischio di 25 mila euro di multa a panetteria che scriveva kg con le maiuscole, “bisogna essere precisi”

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter!

Image: screenshot from Youtube

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *