La magica trilogia fantasy della scrittrice tedesca Cornelia Funke

Cuore d’inchiostro, il primo libro della trilogia fantasy di successo di Cornelia Funke, successivamente adattata a film quasi interamente girato tra i paesaggi liguri

Cuore d’Inchiostro, titolo originale “Tintenherz”, è un romanzo fantasy dell’autrice tedesca Cornelia Funke, pubblicato nel 2003. In questo libro Cornelia Funke intreccia con estrema abilità elementi del mondo reale con un mondo fantastico minaccioso e allo stesso tempo affascinante: il dono speciale di Mo Flochart – protagonista del romanzo insieme alla figlia Maggie – di portare i personaggi dei romanzi nella realtà semplicemente leggendoli ad alta voce porta a una tragedia familiare. Non è solo la trama avvincente con un velo di suspense che inizia già nel primo capitolo, ma anche i diversi personaggi, di cui l’autrice è riuscita a creare un ritratto molto credibile.

Cuore d’Inchiostro, è il primo libro della trilogia “Mondo d’Inchiostro”. Seguono “Veleno d’inchiostro” pubblicato nel 2005 e Alba d’inchiostro, del 2007. Dato il successo riscontrato in seguito alla pubblicazione del primo libro, si decise di adattare quest’ultimo a film, ambientato principalmente in Liguria. Quest’ultima regione, in cui l’autrice ha oltretutto vissuto per diversi anni, è stata ritenuta ideale per la resa dell’ambiente fiabesco della storia. Altre località italiane in cui vi sono state svolte le riprese sono la rocca di Realdo per la dimora Capricorno, il cui villaggio è ambientato nel vecchio borgo di Balestrino in provincia di Savona. Le scene costiere sono state girate tra i centri storici di Laigueglia, Albenga e la stazione ferroviaria di Alassio. Vi sono infine la valle nei pressi del Colle di Tenda e il ponte antico di Fanghetto, in provincia di Imperia.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Hanna (21) (@tinten.rose)

Le critiche alla versione cinematografica

Il film diretto da Iain S0ftley è del 2008. Il cast d’eccezione e le location del bel Paese non sono tuttavia bastate a rendere giustizia alla scrittura scorrevole, descrittiva e coinvolgente che caratterizzano le pagine del romanzo. Come film fantasy infatti, manca soprattutto di una cosa: la fantasia. Ormai è stato sfatato il pregiudizio secondo cui i lungometraggi, che sono in gran parte il risultato di processi di rendering, siano un deserto creativo e allo stesso tempo non riescano a utilizzare a proprio vantaggio le scene generate al computer come autentico strumento di progettazione cinematografica. Eppure in Cuore d’Inchiostro sorge il sospetto che lo scopo degli effetti speciali sia più che altro quello di “ingannare” sui vari buchi della trama. Pertanto, il problema principale del film è la sceneggiatura poco sviluppata.

Biografia della scrittrice

Cornelia Funke è nata in un piccolo paesino della Westfalia, in Germania, nel 1958. La sua carriera è decollata grazie al suo talento nel campo della scrittura. Infatti, oltre a scrivere, ha anche fondato anche una propria casa editrice di audiolibri così come una fondazione per sostenere piccoli e medi progetti. Oltre a questa sua occupazione, è anche narratrice e illustratrice.

Tra i suoi libri di maggiore successo vi sono, oltre alla trilogia sopra citata,  “Il labirinto del Fauno”, la saga “Die wilden Hüner” e  “Der verzauberte Klassenzimmer”.

Inizialmente lavorò come assistente sociale, lavoro che le permise di incontrare e conoscere bambini provenienti da realtà diverse e spesso sfortunate, a cui raccontava storie. Come dice lei stessa, sono stati i bambini a insegnarle su cosa scrivere.

La scrittrice ad oggi ha più di 30 anni di carriera nel mondo dell’illustrazione e narrazione per bambini e ragazzi, senza perdere l’entusiasmo sia per queste ultime sia nel confrontarsi con i propri lettori tramite eventi, social media il suo sito web che potete consultare qui.

Leggi anche: 8 libri della letteratura tedesca da leggere almeno una volta nella vita

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Immagine in evidenza di moshehar da Piaxabay