elezioni a settembre

Elezioni di settembre, come votare se si vive all’estero

Con le elezioni di settembre si vota per la Camera e il Senato. Gli italiani residenti all’estero votano per posta, tramite il plico elettorale recapitato all’indirizzo di residenza.

Il 21 luglio 2022, a seguito della crisi di governo, il presidente Mattarella ha sciolto le Camere. Si vota, anticipatamente, il 25 settembre. Per votare, i cittadini italiani residenti in Germania devono essere iscritti sia all’AIRE che nelle liste elettorali della Circoscrizione Estero e possono votare per i candidati delle stesse.

Si vota per corrispondenza, grazie al plico che contiene la scheda elettorale e le modalità di voto o in alternativa si può scegliere di votare in Italia, seguendo la procedura apposita.

Il voto per corrispondenza

A chi sceglie di votare tramite posta, l’ufficio consolare invia un plico all’indirizzo di residenza all’estero. Il plico contiene le schede elettorali, le istruzioni di utilizzo e una busta preaffrancata da utilizzare per rispedire la scheda all’ufficio una volta che si è espresso il voto. Se a 14 giorni dalla data delle votazioni in Italia il plico non dovesse essere arrivato, gli elettori possono richiedere un duplicato andando di persona al proprio ufficio consolare.

Perché il voto sia ritenuto valido le schede devono pervenire entro le 16:00 del giovedì precedente le elezioni. L’ufficio consolare si occupa poi di inviare le schede presso la Corte d’Appello di Roma per gli scrutini. Chi non lo avesse ancora fatto può richiedere l’ammissione al voto per corrispondenza. Per farlo occorre una dichiarazione di inesistenza di cause ostative al voto rilasciato dal comune di residenza in Italia.

Come votare in Italia se si ha la residenza all’estero

Chiunque voglia votare in Italia per le elezioni di settembre, pur avendo la residenza in Germania, può farlo inviando una comunicazione scritta all’ufficio consolare di riferimento entro il 10° giorno successivo all’indizione delle elezioni, in questo caso quindi entro il 31 luglio.

La comunicazione va firmata e può essere fatta su carta semplice, specificando tutti i dati anagrafici e allegando una copia del documento di identità. In alternativa sul sito del Ministero degli Esteri o quello dell’ufficio consolare si può scaricare un modulo. Le spese di viaggio da e per la Germania non sono coperte.

 

 

Immagine di copertina: foto di Element5 Digital