Ufficiale, Berlino avrà quest’anno la Fête de la Musique: si suonerà e si ballerà

Con il motto “make music happen” viene ufficialmente annunciata la ventiseiesima edizione del celebre festival che dà inizio all’estate berlinese

A pochi giorni dalla cancellazione di alcuni leggendari festival di musica tedeschi, come il Rock am Hing, l’Hurricane ed il Deichbrand, finalmente una buona notizia per tutti gli appassionati di concerti. Gli organizzatori della Fête de la Musique, celebre festival musicale che ricorre ogni 21 giugno, hanno affermato che celebrare l’inizio dell’estate senza questo festival è impensabile. La Fête de la Musique offre ogni anno la possibilità di godere gratuitamente delle performance di musicisti, band e dj in spazi pubblici della città. La pianificazione del programma musicale è attualmente in pieno svolgimento e numerosi artisti hanno ribadito la loro volontà di partecipare. Già annunciato ufficialmente che il distretto partner scelto per questa edizione sarà Marzahn-Hellersdorf, incaricato di ospitare anche la festa di lancio del festival  il 20 giugno.

FêteDeLaMusique_2020_(c)Jim Kroft.jpg

A_10_Pressefoto_FêteDeLaMusique_2020_(c)Jim Kroft.jpg

Fête de la Musique 2021: un progetto di streaming europeo

Le prossime settimane  saranno decisive per le sorti della Fête de la Musique che, con molta probabilità, si terrà in digitale come lo scorso anno. “Siamo pronti a programmare la Fête 2021 come un festival in streaming, nella speranza che questa estate ci sarà di nuovo la possibilità di cantare e ballare insieme” si legge sul sito ufficiale della manifestazione artistica. Anche Katja Lucker, amministratrice delegata di Musicboard Berlin e organizzatrice della Fête, pochi giorni fa ha annunciato che, se la situazione non migliorerà, il festival si svolgerà in streaming. Il curatore della Fête de la Musique, Björn Döring, ha inoltre rivelato che è previsto un progetto di streaming europeo che includerà concerti da diversi Paesi e città in Europa. Ha poi sottolineato come, nonostante le modalità anomale con cui avrà luogo, il festival rimarrà in un’occasione unica per godere dell’esperienza collettiva della musica. La speranza del manager è che i partecipanti vivano un festival musicale colorato e vario anche in questa situazione particolare. Soprattutto, si augura che lo vedano come un traguardo e un evento da aspettare con ansia, esattamente ciò che manca così tanto nella situazione attuale. Lo stesso Döring si è dimostrato consapevole della drammatica situazione che stanno attraversando i lavoratori del mondo della musica, ribadendo la necessità di organizzare eventi di questo tipo per fornire  supporto agli artisti in difficoltà.

 

© Jim Kroft.

A_14_Pressefoto_FêteDeLaMusique_2020_(c)Jim Kroft.jpg

Le edizioni passate

La Fête de la Musique non è un evento propriamente berlinese: difatti fu fondato nel 1982 a Parigi dal ministro della cultura Jack Lang. Col tempo il successo della Fête è cresciuto al punto che, ad oggi, circa 60 città europee festeggiano l’inizio dell’estate con questo festival. La prima edizione berlinese della Fête si è tenuta nel 1995 e, da allora, è diventato uno dei festival musicali più apprezzati della città. Bande, orchestre, cori, solisti e dj eseguono musica di tutti i tipi nelle piazze, nelle strade e in altri spazi pubblici. L’edizione 2020 è stato un banco di prova e, allo stesso tempo, la dimostrazione della possibilità di organizzare questo tipo di eventi anche da remoto. Difatti, la venticinquesima edizione della Fête de la Musique si è svolta in modalità digitale a causa della pandemia. L’anno scorso è risultato il più vario, e forse anche il più grande, festival in streaming della Capitale tedesca. Oltre 25.000 persone hanno visitato la pagina web della Fête, che ha superato le 2 milioni di visualizzazioni. Numerosi club, associazioni, e istituzioni culturali berlinesi hanno partecipato alla rassegna con i propri live streaming. Anche le scuole di musica di Berlino hanno contribuito con lezioni e tutorial di musica digitale. Molti artisti hanno deciso di trasformare il loro appartamento in un palcoscenico, cantando e suonando vicino alla finestra o sul balcone: un’idea che è stata apprezzata dal pubblico e che probabilmente verrà riproposta anche quest’anno. Tra le dirette più seguite nella scorsa edizione, spicca quella trasmessa dalla torre della televisione di Alexanderplatz. Il Dj e produttore musicale Alle Farben si è esibito con alle spalle una panorama mozzafiato sullo skyline di Berlino.

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Immagine di copertina: A_8_Pressefoto_FêteDeLaMusique_2020_cJim-Kroft-prev.jpg / ©Jim Kroft

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *