Berlino, ©Pixource, https://pixabay.com/it/photos/porta-di-brandeburgo-berlino-2580125/

Perchè si pensa di non allentare le restrizioni in Germania

Nonostante numeri più rassicuranti il Governo non vuole ancora allentare le restrizioni

Rispetto a poche settimane fa, la situazione per quanto riguarda contagi e decessi in Germania è nettamente migliorata. Secondo gli ultimi dati diffusi dal Robert Koch Institut (aggiornati a martedì 9 febbraio) i contagi sono scesi a 3.379 mentre i decessi sono stati 481. Anche il tasso di occupazione dei letti in terapia intensiva si è notevolmente abbassato rispetto al drammatico record che si era registrato a inizio gennaio. Numeri molto più bassi rispetto a quelli di pochi giorni fa, ma che comunque, secondo Governo federale e Länder, non possono giustificare un allentamento delle restrizioni. La preoccupazione maggiore è sicuramente legata alle mutazioni del virus che sono arrivate in Germania e che preoccupano non poco il Governo. Le varianti, infatti, risultano essere più contagiose rispetto al comune Coronavirus e si teme che, allentando le restrizioni, possano propagarsi ancora di più tra la popolazione. Uno scenario che porterebbe i numeri di contagiati e morti a salire drammaticamente.

Alla vigilia del vertice tra Governo federale e Länder ci sono poche possibilità che le attuali restrizioni vengano allentate

Il prossimo incontro tra la Cancelliera Angela Merkel e i governatori dei Länder avrà luogo mercoledì 10 febbraio. Durante il vertice verrà discussa la linea guida da seguire ancora per cercare di abbassare la curva di contagi in Germania. Ma ci sono veramente poche possibilità che le attuali restrizioni vengano allentate, come riportato da numerose testate tedesche. Sicuramente, infatti, l’attuale lockdown verrà esteso almeno fino alla fine di febbraio. Secondo il Ministro della salute Jens Spahn l’allungamento delle restrizioni è necessario per evitare che la Germania finisca nella stessa “catastrofica situazione del Portogallo”, uno dei Paesi più colpiti dalla pandemia nelle ultime settimane.

Le preoccupazioni dei virologi

All’interno degli ambienti scientifici si teme che un allentamento delle restrizioni adesso possa portare a un drammatico aumento dei numeri a marzo. Secondo quanto riportato da Focus, i medici del Robert Koch Institut vorrebbero addirittura che le restrizioni vengano ulteriormente inasprite, soprattutto per quanto riguarda i contatti privati. Questo perché le restrizioni sui contatti vengono attualmente applicate in modo troppo lassista da molti, non indossando la mascherina o non rispettando la distanza di sicurezza. Recentemente anche il virologo della Charité Christian Drosten ha dichiarato che le attuali restrizioni dovrebbero rimanere in vigore almeno fino a Pasqua. Una linea di pensiero condivisa anche da altri virologi che chiedono sia un allungamento dell’attuale lockdown che un maggiore controllo sul territorio affinché le restrizioni siano rispettate da tutti.

Angela Merkel ha chiesto agli abitanti della Germania di avere ancora “un po’ di pazienza”

L’allungamento dell’attuale lockdown è trapelato dalle parole della Cancelliera, intervistata da ARD lo scorso sabato. Durante una delle sue rare apparizioni televisive la Cancelliera ha ringraziato la popolazione per aver seguito le regole ma ha anche chiesto di avere ancora un po’ di pazienza. Il Primo Ministro bavarese, Markus Söder, in un’intervista televisiva a ARD di pochi giorni fa ha dichiarato che “il lockdown dovrà essere esteso. Non ha senso in questo momento allentare le restrizioni.  Rischiamo, altrimenti, che la situazione precipiti di nuovo fra due o tre settimane”.

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Immagine di copertina: Berlino, ©Pixource,

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *