La nuova auto cinese è identica al Maggiolone (ma la VW non ne sa nulla)

Il Maggiolino ritornerà a circolare sulle strade con un design rinnovato e una tecnologia di ultima generazione… e sarà cinese!

Il marchio cinese Ora avrebbe annunciato il nuovo modello d’automobile che ha intenzione di produrre per la prossima stagione. Il nuovo modello d’auto si chiamerebbe “Ballet Cat” e assomiglierebbe in tutto e per tutto al famoso Maggiolino prodotto dalla casa automobilistica tedesca Volkswagen. È apparsa su Twitter una fotografia che ritrarrebbe il nuovo modello, che dovrebbe essere presentato al Chengdu Motor Show alla fine di agosto. Ora è un marchio di auto della casa automobilistica cinese Great Wall Motors (GWM), per cui produce modelli d’auto elettrici. Infatti “Ballet Cat” avrà un design rinnovato e una tecnologia di ultima generazione che renderà il modello d’auto all’avanguardia anche sul piano dell’ecosostenibilità. Il “nuovo Maggiolino” infatti sarà elettrico in tutto e per tutto: garantirà dunque molte meno immissioni rispetto al vecchio veicolo di casa Volkswagen.

E cosa dirà la Volkswagen del Maggiolino cinese?

Il Maggiolino VolksWagen è stata una delle auto più iconiche che siano mai circolate nelle strade. Per molto tempo ha anche detenuto il record come una delle automobili più prodotte. Ora non si vedono più girare per le strade i Maggiolini originali, ma piuttosto la versione moderna della VolksWagen. La situazione potrebbe presto cambiare con l’arrivo del nuovo modello cinese del marchio Ora: un nuovo Maggiolino cinese potrebbe prendere il posto del tradizionale modello Volkswagen. Rispetto al design “copiato”, la casa automobilistica tedesca non si è ancora espressa. Appare tuttavia palese che vi sia un rimando all’iconico modello VW.

Maggiolino

Maggiolino da Unplash ©Jorge Zapata Licenza Unplash

La storia del Maggiolino VW

La sua produzione ha inizio per scelta di Adolf Hitler, che in un discorso del 1934 annunciò la sua scelta di mettere in commercio un’auto per tutti, convinto che l’automobile non dovesse essere un privilegio della classe benestante. È l’ingegnere Ferdinand Porsche a completare, nel febbraio del 1938, i primi prototipi dell’auto che avrebbe rivoluzionato il concetto di mobilità. Da questi si sono poi sviluppate la berlina e la cabriolet chiamate Typ1. Innovazione nel design e nella meccanica furono tra le maggiori novità nella produzione automobilistica del periodo, capaci di rendere il Maggiolino la prima vera auto alla portata di tutti. La nuova automobile fu un successo, in particolare il modello cabriolet, nato nell’estate del 1948. La Beetle, come viene ribattezzata dal New York Times, conquista gli Stati Uniti e si avvia a battere ogni record. Il 5 agosto del 1955 venne prodotto il milionesimo Maggiolino, un traguardo incredibile per l’epoca. La produzione si estese in tutto il mondo e in quarant’anni si raggiunsero i 20 milioni di esemplari fabbricati.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da G2 Rodas e Pneus (@g2rodasepneus)

 

Dopo il successo enorme durante il Boom economico, il modello smette di essere prodotto negli anni Settanta/Ottanta. Volkswagen però non ha voluto abbandonare la sua iconica automobile. Così negli anni 90/2000 è uscito il modello New Beetle: un nuovo Maggiolino dalla forma e dal design moderno. Di questo nuovo Maggiolino sono state prodotte diverse versioni ed è proprio a quest’ultimo che il marchio Ora si sarebbe ispirato per la realizzazione della sua “Ballet Cat”.

 

Leggi anche: La Germania ha raggiunto l’obiettivo: un milione di auto elettriche sulle strade tedesche

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Immagine di copertina: Maggiolino – Screenshot da Youtube.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *