Il 70% dei tedeschi è a favore dell’allungamento del lockdown in Germania

Il numero dei contagi è ancora alto. I tedeschi hanno paura e la maggioranza è a favore del prolungamento del lockdown

Sebbene dal 27 dicembre sia iniziata la campagna di vaccinazione in Germania, il numero dei contagi è ancora molto alto e le immunizzazioni procedono lentamente. Non meraviglia che, secondo un sondaggio, circa il 70% delle persone che vivono in Germania siano contrarie ad un allentamento delle restrizioni dopo il 10 gennaio. In particolare, i risultati hanno dimostrato che il 41% dei tedeschi sono d’accordo nel prolungare le regole in atto, mentre il 24% è addirittura favorevole ad un inasprimento delle misure attuali.

Lo studio è stato condotto dall’Istituto di Ricerca Civey per conto di SPIEGEL. I risultati hanno dimostrato che meno di ¼ degli intervistati è a favore dell’allentamento delle restrizioni. Nello specifico, il 17% è favorevole ad una riduzione delle misure, mentre solo l’11% desidera la revoca completa del blocco.
L’indagine chiarisce anche che si è di fronte ad una polarizzazione in merito alla questione. Infatti, indipendentemente dalla fascia d’età o dal gruppo politico di appartenenza, la percentuale delle persone indecise è inferiore al 10%.

Analisi dei risultati del sondaggio nel dettaglio

I sondaggi condotti dall’Istituto Civey comprendono gli utenti di oltre 20.000 siti web della Germania. L’Istituto di Ricerca estrae dei campioni dagli utenti che corrispondono a diverse categorie della popolazione (come età e sesso). In seguito i risultati vengono incrociati con altri fattori socio-demografici e  con orientamento politico degli elettori per correggere eventuali distorsioni.

Vediamo innanzitutto i risultati del sondaggio in base all’orientamento politico dei cittadini. Per quanto riguarda gli elettori dei partiti CDU, SPD e Verdi, l’80% è a favore del prolungamento delle restrizioni. Al contrario, gli elettori di AfD sono perlopiù contrari al prolungamento del lockdown.  Anche i sostenitori del partito FDF hanno risposto negativamente al sondaggio: solo il 18,5% circa si è mostrato favorevole a nuove misure restrittive.

Se si suddividono le risposte degli utenti in base all’età, si evince che le persone con un’età pari o superiore ai 50 anni sono più favorevoli al prolungamento delle restrizioni rispetto alle persone di età inferiore. L’80% delle persone con un’età superiore ai 65 anni approva l’allungamento del lockdown.

L’indagine dimostra anche che le persone che hanno figli sono in larga parte contrarie al prolungamento della chiusura oltre il 10 gennaio.

Le misure che erano state stabilite fino al 10 gennaio sono state prorogate

Dopo il vertice svoltosi martedì 5 gennaio il Governo federale e i rappresentanti dei Länder hanno introdotto nuove e più severe restrizioni per tentare di arginare i contagi da Coronavirus. Rimangono in vigore le attuali restrizioni – che sarebbero dovute terminare il 10 gennaio, ma che rimarranno in vigore fino al 31 dello stesso mese – e, in più, ne sono state inasprite altre a partire dall’11 gennaio. Secondo la Cancelliera le misure adottate sono «drastiche ma necessarie», per non perdere di vista l’obiettivo. «I mesi invernali sono i più duri, e anche la mutazione del virus, arrivata in Germania, pone delle nuove sfide» ha dichiarato Merkel. Il Sindaco di Berlino Michael Müller, commentando le decisioni prese, ha dichiarato: «fino ad ora abbiamo ottenuto molto. Ma dobbiamo capire che non è abbastanza». Di seguito tutte le limitazioni in vigore dall’11 al 31 gennaio. Da specificare il fatto che le norme sono delle linee guida a livello nazionale quindi ogni Land, in autonomia, può decidere, se ritenuto opportuno, di inasprirle.

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *