Germania, van della polizia incastrato sui binari: il video diventa virale

La polizia di Dresda si ritrova in una situazione comica quando il van si incastra tra i binari del tram

Lunedì 13 settembre un van della polizia antisommossa di Dresda, durante un’operazione, è incappata nel letto dei binari appena rinverdito della DVB AG. Il furgone è rimasto incastrato nei binari del tram circondato da un letto d’erba appena piantato. La squadra antisommossa si è quindi trovata incastrata nei binari, ma non è finita qui. La squadra ha iniziato a spingere avanti e indietro il furgone provocando le risate della folla.

Una situazione imbarazzante nel centro storico di Dresda

Diversi agenti di polizia si sono radunati attorno al van, cercando di spingerlo con forza, rendendo la situazione ancora più imbarazzante di quanto già non fosse. Nonostante i tentativi, la squadra non sembra avere avuto molto successo. Infatti, invece che sollevare il furgone dall’erba con uno scatto, i poliziotti hanno continuato a farlo oscillare avanti e indietro.

Il video è diventato virale su Twitter

Il video condiviso su Twitter della scena ha strappato sorrisi non solo in Germania, ma in tutto il mondo, dato che il contenuto è diventato subito virale. Naturalmente, il corpo di polizia sassone ha risposto al tweet – che ad oggi ha già raggiunto le 150.000 visualizzazioni – spiegando quanto fosse urgente la situazione e ringraziando i civili per aver “aiutato” i poliziotti. Il sarcasmo tagliente degli agenti di polizia ha subito provocato un’altra ondata di tweet sui social.

 

Leggi anche: Zwinger, il monumento barocco mozzafiato simbolo di Dresda

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Immagine in copertina: Screenshot da YouTube

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *