“documenta. Politik und Kunst”, a Berlino l’esposizione sulla fiera d’arte più famosa della Guerra fredda

documenta: la fiera d’arte di Kassel più importante della Guerra fredda. In mostra i rapporti tra arte e politica grazie a documenti inediti

Per la prima volta a Berlino la mostra sulle relazioni tra arte e politica nella Germania federale. Il Deutsches Historisches Museum ospita dal 18 giugno documenta. Politik und Kunst (documenta. Politica e Arte). documenta, una delle più importanti fiere d’arte contemporanea, è inserita nel contesto della Guerra fredda grazie all’esposizione di inediti documenti originali. Se ne ripercorrono le tappe, dalla prima edizioni – inaugurata nel 1955 dal critico e pittore Arnold Bode – fino alla decima. Al centro: la rivalutazione di quella che fino al 1945 era considerata arte degenerata e le scelte culturali nel più ampio quadro delle tensioni tra Est e Ovest.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Deutsches Historisches Museum (@dhmberlin)

Le prime dieci documenta: un viaggio dal 1955 al 1997

Diverse svolte e molti volti si sono susseguiti dal 1955 al 1997. In mostra grafici, disegni, opere e contenuti multimediali. Le prime sale mostrano il volto sibillino della Germania Federale, che si voleva scrollare di dosso un passato recente ancora non collettivamente preso in carico. E così metà degli organizzatori di documenta 1 erano stati membri del Partito nazista (NSDPA), delle SA e delle SS. Ma non solo, non vennero esposte in quell’occasione le opere di artisti comunisti ed ebrei perseguitati.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Deutsches Historisches Museum (@dhmberlin)

Memoria come lotta

A 66 anni di distanza il Museo della Storia tedesca veste la memoria come lotta. Scriveva Primo Levi, nella prefazione a La vita offesa (1987): “Se morremo qui in silenzio come vogliono i nostri nemici, se non ritorneremo, il mondo non saprà di che cosa l’uomo è stato capace, di che cosa è tuttora capace: il mondo non conoscerà se stesso, sarà più esposto di quanto non sia ad un ripetersi”. E questa volta è il mondo dell’arte ad aprire la porta per rivelarsi, ricordandoci che anche l’espressione creativa è vincolata a condizioni socio-politiche ben precise. E lo fu a Kassel, baluardo di una società che si diceva pronta a rinascere, ma che faceva dell’arte strumento propagandistico.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Deutsches Historisches Museum (@dhmberlin)

Guerra di stili

In ultimo la mostra dà ampio spazio alle scelte stilistiche degli artisti, dal riflesso politico ben preciso. L’avanguardia americana infatti fece causa comune con la politica statunitense ed europea anticomunista. Da una parte della cortina l’eroismo di Pollock e degli altri espressionisti astratti, insieme allo splendore tutto sfavillante, e commerciale, della Pop art. Dall’altra il realismo socialista delle grandi parate e delle scene di vita quotidiana dell’Est. Armi culturali e militari in tutti i sensi. documenta. Politik und Kunst, visibile fino al 9 gennaio 2022, affronta i risvolti di quella che a tutti gli effetti si può chiamare un’arte della guerra.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Deutsches Historisches Museum (@dhmberlin)

Deutsches Historisches Museum

Unter den Linden 2, 10117 Berlin

Orari: 10 am- 6 pm dal venerdì al mercoledì; 10 am-8 pm giovedì

Biglietti: 8 €, ridotto 4 €, gratis fino ai 18 anni

Tel +49 30 20304-750 / -751
fuehrung@dhm.de

Sito: dhm.de

 

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Immagine di copertina: documenta 4 (1968), Werner Lengemann, CC documenta archiv  

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *