Berlino, tirocinante causa 50mila € di danni

Incidente involontario nel carcere di Heidering, a sud di Berlino

Nella società contemporanea, la tecnologia fa parte di noi e della nostra vita quotidiana. Eppure, certe volte siamo ignari dei rischi che corriamo o che potremmo provocare con un semplice messaggio. È il caso di un tirocinante del carcere di Heidering, a sud di Berlino. Quest’ultimo, mentre era di turno, avrebbe causato danni per un valore di 50mila € con una semplice foto inviata ad amici su Whatsapp. Di fatti, la foto incriminata ritraeva la chiave della cella e delle porte di passaggio della prigione.

È possibile ricreare un duplicato della chiave dalla foto ?

Il problema risiede nel fatto che è possibile ricreare la chiave partendo dalla foto, creando una seria via di fuga qualora la replica venisse introdotta di nascosto nella prigione. Dopo che l’amministrazione giudiziaria ha ricevuto informazioni sull’accaduto, sono subito state prese precauzioni. Le stanze di detenzione e le porte di passaggio sono state riorganizzate, le chiavi soggetto della foto distrutte e rimpiazzate. Questo processo ha impegnato venti membri del personale durante il corso della notte.

Lo stagista potrebbe dover sostenere i costi

Anche se fortunatamente tutto è stato risolto in tempi record, lo stagista non è rimasto intaccato dalla vicenda. Infatti, gli è stato immediatamente vietato l’ingresso nell’edificio e, di conseguenza, anche il tirocinio è stato interrotto. La situazione potrebbe peggiorare, infatti l’amministrazione penitenziaria starebbe valutando la possibilità di fatturarlo per il danno che si stima intorno ai 50mila €.

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Immagine di copertina: prison-553836_1280.jpg / ©Pixabay / CC0

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *