Germania, grande ditta edile del Brandeburgo respinge tirocinante perché musulmano

Una ditta edile ha respinto un candidato musulmano con una lettera piena di commenti discriminatori

A Kolkwitz-Krieschow nel Brandeburgo un’impresa edile ha scritto in una lettera di rifiuto a un candidato spiegando che i musulmani praticanti non sono i benvenuti nell’azienda. Il giovane richiedente aveva presentato domanda per un posto di apprendistato nell’edilizia nella zona di Spree-Neiße e ha deciso di pubblicare la lettera su Twitter. «A mio avviso, l’Islam non può essere conciliato con la Costituzione tedesca», ha scritto Frank Pilzecker, CEO della Asphalt Straßenbau Gesellschaft mbH. «Nella mia esperienza, questo è un sistema sociale che non desidererei per me o per l’ambiente a me circostante», ha continuato. Sempre nella lettera, Pilzecker ha scritto che erano stati trovati «candidati più adatti» per il ruolo. Nel 2019, l’azienda aveva ricevuto il premio di formazione Brandenburg Training Consensus (Brandenburgischer Ausbildungskonsens).

Il capo dell’azienda sostiene osservazioni discriminatorie

Rispondendo a un’inchiesta della rbb, Pilzecker non ha contestato le sue dichiarazioni. «Non posso assumere praticanti musulmani perché ciò causerebbe problemi», ha detto. Alla domanda dell’emittente che gli ha chiesto cosa intendesse per “guai”, egli ha affermato che costruire strade è un lavoro fisicamente impegnativo e nella sua esperienza non è compatibile con il digiuno praticato dai musulmani durante il Ramadan. Anche la vita sociale dell’azienda sarebbe minacciata dalla presenza di un collega musulmano praticante, ha sostenuto Pilzecker: «Se un tedesco mangia una salsiccia di fegato, un musulmano andrà a sedersi in un’altra stanza. Abbiamo deciso di non affrontare una situazione del genere». Egli ha continuato a sostenere che la religione del candidato non avesse nulla a che fare con il suo rifiuto, nonostante nella sua lettera Pilzecker abbia poi scritto: «Tuttavia, ti auguro tutto il meglio per il futuro e spero che troverai la strada per la tua patria e potrai viverci secondo i tuoi principi, proprio come vogliamo noi tedeschi. Vivere nella nostra patria, la Germania, secondo i nostri principi liberali. Se un giorno tornerai in Germania come studente straniero o tirocinante straniero, sarò felice di formarti in linea con la nostra cultura e conoscenza».

«Il razzismo è in mezzo a noi»

La discriminazione basata sulla fede di un richiedente è una violazione della legge tedesca sulla parità di trattamento. La Polizia di Brandeburgo ha affermato su Twitter che l’interessato ha il diritto di denunciare un reato, perché il rifiuto sulla base della sua religione o origine è una questione di diritto civile. «Il razzismo è in mezzo a noi» ha così descritto l’incidente Sawsan Chebli, politica del Partito Socialdemocratico di Berlino. Aydan Özoğuz, membro dell’SPD del Bundestag ed ex Ministra di Stato per la migrazione, i rifugiati e l’integrazione nella Cancelleria, ha chiesto che le future commissioni della compagnia in questione vengano riconsiderate.

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *