Berlino paradiso per il riciclaggio di denaro

La legge sul riciclaggio di denaro è cambiata e ora i notai non hanno più il potere di denunciare casi sospetti di transazioni immobiliari

Dal primo agosto è entrato in vigore un nuovo emendamento attraverso il Bundestag. Da ora sarà infatti proibito ai notai che notano transazioni sospette all’Ufficio Centrale per le indagini sulle transazioni finanziarie (FIU). Tutto questo a causa del cosiddetto dovere di riservatezza. Questo potrebbe seriamente facilitare il riciclaggio di denaro in Germania, rendendo lo Stato europeo un vero e proprio paradiso fiscale. Numerose sono tuttavia le proteste e i dissensi, tra cui quella del Bundesrat, secondo cui questo emendamento danneggerebbe molto il tenore della vita tedesca, primo tra tutti il settore immobiliare.

Il nuovo emendamento rappresenta una contraddizione?

Questo nuovo emendamento abroga la precedente ordinanza, entrata in vigore solo lo scorso ottobre, che prevedeva invece l’obbligo di segnalazione. Il Senatore della Giustizia della città di Berlino Dirk Behrendt, esponente dei Verdi, ha annunciato un’iniziativa del Bundesrat di eliminare il nuovo emendamento e tornare dunque all’ordinanza precedente. Il motivo principale di questa sua scelta, commenta Behrendt, è che i notai con questo emendamento possono segnalare solo se sono a conoscenza di effettivo riciclaggio. Tuttavia, è pressoché impossibile per un notaio sapere di un caso di riciclaggio senza essere condannato di favoreggiamento. Questa contraddizione va riveduta, sostiene il Senatore. Inoltre, il Bundesrat chiede anche che l’obbligo di segnalazione non si limiti solo al settore immobiliare, il cui riciclaggio causerebbe un aumento significativo nei prezzi degli affitti, ma anche nel settore industriale.

Che questo emendamento sia frutto di una lobby di notai?

Il Senatore della giustizia Behrendt sostiene che, poiché molti notai fanno parte del Bundestag, questa legge potrebbe essere nata da un’accordo della lobby notarile. Il presidente della Camera Federale del Notariato Jens Bormann ha invece un’opinione completamente diversa. Secondo Bormann il nuovo regolamento porterà a un aumento delle segnalazioni e aggiunge che queste segnalazioni non saranno basate su semplici sospetti, ma su vere e proprie prove.

 

Leggi anche: Berlino mette a punto un piano per avere 3mila km di pista ciclabile ininterrotta

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Immagine in copertina: Soldi, Pixabay, Moerschy, CC0 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *