Il personale sanitario di Berlino si lamenta per l’assenza di protezioni

Burkhard Ruppert ha dichiarato: «Siamo più che preoccupati per il disinteresse del Senato»

Burkhard Ruppert, è vicepresidente del consiglio di amministrazione della Kassenärztliche Vereinigung (KV) di Berlino. La Kassenärztliche Vereinigung Berlin rappresenta gli interessi dei circa 6800 medici registrati, dei 1600 psicoterapeuti psicologi e dei 240 medici autorizzati. Tra i compiti della KV vi è quello di garantire l’assistenza medica ambulatoriale e il monitoraggio degli standard di qualità. Burkhard Ruppert ha rilasciato un’intervista per il Berliner Zeitung. Il vicepresidente del consiglio accusa il governo di Berlino di aver agito in modo disordinato in riferimento alla questione del Coronavirus. Mentre la città trattiene il respiro perché è sull’orlo di un’epidemia, il Senato e la professione medica bisticciano. Nell’intervista ha parlato della mancanza di maschere protettive, sull’implosione del sistema sanitario, e su tutto ciò che ne può derivare.

Le parole di Ruppert

Signor Ruppert, i medici residenti stanno discutendo con il Senato dall’inizio della crisi. Manca il materiale protettivo. Quanto è grave la situazione?

Abbiamo 6.500 studi a Berlino, di cui circa 100 hanno chiuso nel frattempo per mancanza di materiale o perché il personale è in quarantena. Questo significa che tutti gli altri hanno resistito finora. Ma ora il sistema minaccia di implodere perché la fornitura di base è a rischio.

Chi è il responsabile di tutto questo?

Secondo la ripartizione dei compiti nel controllo delle catastrofi, è chiaramente una questione di competenza dei Länder federali. Lo stoccaggio dei dispositivi di protezione in grandi quantità non era e non è di competenza dell’Associazione dei medici legali dell’assicurazione sanitaria.

Cosa chiedete di fare al Senato?

Non abbiamo più richieste, perché non saranno soddisfatte comunque. Faremo le nostre cose, le facciamo da soli da settimane. Non avremmo mai pensato di farlo, ma siamo diventati un distributore all’ingrosso di dispositivi di protezione.

Chi prenderà la merce per primo?

Quelli che ne hanno più bisogno. Queste sono le pratiche di dialisi, poi le pratiche di pneumologia, cioè gli specialisti polmonari. Poi vengono gli specialisti di orecchio, naso e gola, poi i medici di famiglia, poi i pediatri. Sembra che le cose si siano attenuate. Il pubblico era irritato dal fatto che il sistema sanitario non tenesse duro. E adesso?Purtroppo, rimaniamo più che preoccupati per la mancanza di interesse del Senato. Non c’è un interesse percepibile a pianificare in anticipo.

La situazione a Berlino: nessun nuovo caso a Friedrichshain-Kreuzberg

L’assessore alla sanità berlinese Dilek Kalayci  ha annunciato a RBB che l’ospedale di emergenza per il Coronavirus all’interno degli spazi della Fiera sarà pronto tra fine aprile e inizio maggio. Avrà 1000 posti letto.  con 1000 posti letto nell’area della fiera sarà operativo a fine aprile / inizio maggio. Nel frattempo ha sottolineato come i berlinesi dovranno continuare ad essere disciplinati lasciando presagire anche una maggiore limitazioni nei movimenti. In città, alle 17 di domenica, si registravano ufficialmente 2462 contagiati e 11 decessi. Andando a vedere i casi nelle varie zone cittadine è Mitte il quartiere più colpito con 398 contagi seguito da Charlottenburg-Wilmersdorf (302),Friedrichshain-Kreuzberg  (262), Tempelhof-Schöneberg (257) Pankow (252, comprende anche Prenzlauer Berg) e Neukölln (248).

Leggi anche: Germania, aerei di stato per il trasporto di una cinquantina di gravi pazienti italiani

Studia tedesco via Skype con lezioni private o collettive, corsi da 45 ore collettivi (max 8 persone) a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter!

Immagine di copertina: Pixabay

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *