Sony Center, la storia della splendida costruzione simbolo di Potsdamer Platz

Frutto della strategia di rinnovamento urbano, il Sony Center situato in Potsdamer Platz è diventato uno dei simboli della Berlino contemporanea

Inaugurato nel 2000, il Sony Center si colloca in un progetto urbanistico più ampio atto alla riqualificazione dell’intera Potsdamer Platz. L’idea era quella di reinventare uno spazio trascurato per decenni, permettendo la sua inclusione nell’immagine moderna di Berlino. Al progetto hanno collaborato architetti di importanza internazionale, come l’italiano Renzo Piano. È in questo contesto che è stato pensato il Sony Center. Il complesso di edifici sponsorizzato dalla multinazionale Sony è stato progettato dall’architetto Helmut Jahn: composto da sette singole costruzioni collegate tra di loro attraverso un anello d’acciaio, il Sony Center colpisce per il design trasparente e luminoso. Al centro si trova il Forum, uno spazio pubblico all’aperto che offre un’atmosfera suggestiva tutto l’anno. Con la sua spettacolare cupola in vetro, il Sony Center costituisce un centro finanziario, amministrativo e commerciale di rilevanza. Oltre agli uffici, ai ristoranti e ad altri spazi dedicati a fini commerciali, si trovano una serie di condomini e lussuose stanze in affitto.

Il legame tra storia e modernità caratterizza Postdamer Platz

Negli anni Venti Potsdamer Platz era uno dei quartieri più vivaci di Berlino con i suoi grandi magazzini, uffici governativi e hotel come il lussuoso Grand Hotel Esplanade. Dopo esser stata quasi completamente distrutta durante la seconda guerra mondiale e successivamente separata dal Muro di Berlino, il progetto di ripianificazione urbana prevedeva che si dovesse costruire la Potsdamer Platz nel suo luogo originale. Nel 1996 sono iniziati i lavori di costruzione del Sony Center che si distingue per la sua architettura d’avanguardia all’interno di un’area che è tornata ad essere uno dei luoghi centrali di Berlino. La realizzazione del Sony Center usa parti dell’ex Hotel Esplanade come elementi integranti dell’architettura moderna.

Design innovativo e attrazioni turistiche

Sebbene il Cinestar sia appena stato chiuso, il cinema Arsenal e il museo del cinema tedesco rappresentano punti di grande interesse per i visitatori. Al calar della notte le luci del Forum si accendono e il tetto cambia continuamente i suoi colori, creando un’atmosfera hi-tech. L’area include anche il Legoland Discovery Center per i curiosi e gli appassionati. Nel tempo il Sony Center ha saputo adattarsi alle più svariate esigenze come nel caso della Coppa del Mondo FIFA 2006, per la quale è stato allestito un grande schermo televisivo al centro dell’ampio spazio aperto.

Leggi anche:”Guida ai più bei palazzi di Potsdamer Platz, dal Sony Center agli edifici di Renzo Piano

Conosci il Sony Center con il Free Walking Tour di Berlino in italiano, l’unico tour in italiano ad offerta libera della città. Prenota anche le altre visite guidate di Berlino. Basta scegliere la data che preferisci e inserire il codice sconto “BERLINO-MAGAZINE” al momento della prenotazione.

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter!

Picture: screenshot from Youtube

1 commento

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] Leggi anche: Sony Center, la storia della splendida costruzione simbolo di Potsdamer Platz […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *