Più di un quarto dei tedeschi ha un background straniero

Nel 2019 c’è stato un aumento del 2,1% dei cittadini tedeschi che hanno origini straniere. È l’aumento meno rapido dal 2011. La maggioranza dei nuovi tedeschi hanno discendenze turche. 1 su 3 arriva dall’Unione Europea

L’Ufficio federale di statistica ha riferito che la percentuale di persone con origini migratorie in Germania è salita a 21,2 milioni: è più di un quarto della popolazione. Si tratta di una percentuale che rappresenta il 26% della popolazione tedesca. In Germania, si considera che una persona abbia un background migratorio se almeno uno dei due genitori è nato senza cittadinanza tedesca. Inoltre, per ottenerla non basta nascere in Germania, anche se nella maggior parte dei casi sarà sufficiente una residenza di almeno otto anni.

Le percentuali

Circa il 65% di tutti i migranti proviene da un altro paese europeo. Di questi il 35% (7,5 milioni di persone) proviene da un altro stato membro dell’UE. Gli asiatici rappresentano il 22% (4,6 milioni di persone), seguiti dai cittadini provenienti dal Medio Oriente, che rappresentano il 15% dei migranti. Poco meno di un milione di persone (5%) sono originarie dell’Africa e meno di mezzo milione provengono dall’America e l’Australia. Infine, la percentuale di persone provenienti dalla Turchia, circa il 13%, rappresenta il gruppo singolo più numeroso. A seguire troviamo rispettivamente Polonia e Russia.

La necessità di migranti

Petra Bendel, Professoressa di scienze politiche e direttrice accademica dell’Istituto di ricerca dell’Università Friedrich Alexander di Erlangen-Norimberga, ha affermato che la Germania continuerà a fare affidamento sulla migrazione per il prossimo futuro. Essa ha affermato che attraverso la migrazione è stato possibile risolvere importanti questioni, tra cui quella del restringimento demografico. Uno studio ha infatti dimostrato che negli ultimi anni la Germania ha registrato uno dei tassi di natalità più bassi del mondo a partire dalla fine della Seconda Guerra Mondiale. Tuttavia, tale ricerca ha anche rivelato che gran parte delle persone con un background straniero occupa delle posizioni inferiori per lavoro e per qualifica rispetto a tutto il resto della popolazione tedesca.

Leggi anche: Robert Koch Institute: “Mascherine anche fuori se impossibile mantenere le distanze”

Studia tedesco via Zoom/Skype con lezioni private o collettive, corsi da 45 ore collettivi (max 8 persone) a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Immagine di copertina: Pixabay

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *