La Germania prepara legge per parificare i diritti delle mamme lesbiche

Una nuova legge parifica i diritti delle mamme lesbiche: nessuna delle due dovrà fare richiesta di adozione

Un pacchetto di leggi sui diritti delle madri lesbiche è pronto per essere presentato all’ufficio di gabinetto del governo tedesco per l’approvazione. La nuova legge garantirà al bambino nato in una coppia lesbica la presenza di due madri di diritto, la madre biologica e la sua compagna. Al centro del nuovo disegno di legge, sottolinea la ministra della giustizia Christine Lambrecht, deve essere posto il benessere del bambino. Lo scopo è dare supporto a queste nuove forme di famiglia, legalmente più ostacolate, permettendo al contempo una migliore crescita dei figli. Così, lo scorso 6 agosto, la ministra della giustizia, in un’intervista per l’agenzia cattolica KNA, aveva affermato: «In futuro riconosceremo un’altra madre, oltre alla madre biologica, senza andare incontro a un’elaborata procedura di adozione».

La procedura di adozione rimarrà per le coppie formate da due padri

Se le coppie formate da due donne potranno in futuro evitare le lunghe procedure di adozione, lo stesso non potranno fare i padri. Il secondo padre dovrà richiedere l’adozione anche se l’altro risulta essere il genitore biologico. Questa differenza risiederebbe in quanto è scritto nel codice civile tedesco, che dice ancora: “la madre del bambino è la donna che gli ha dato la vita”. In funzione di ciò, la ministra Lambrecht afferma di voler aderire al principio secondo cui il primo posto genitoriale spetta alla madre biologica, in quanto la sua presenza risulta essere un requisito di base. Di conseguenza, l’unica possibilità per le coppie formate da due padri rimane l’adozione.

L’opposizione

Una delle critiche alla legge proviene da Katrin Helling-Plahr, parlamentare dell’opposizione Freie Demokratische Partei (FDP), che ha accusato la ministra Lambrecht di piegarsi al femminismo e ritardare una riforma globale. Dopo l’apertura del matrimonio alle coppie omosessuali, sono emersi molti problemi sull’assegnazione della paternità, nonostante – sottolinea Katrin Helling-Plahr – i risultati del gruppo di lavoro sul diritto alla genitorialità siano disponibili già da tre anni. Tra le altre cose, l’FPD sostiene che in futuro potrebbero esserci legalmente più di due genitori: se un bambino ha già una madre biologica e una “co-mother”, il padre dovrebbe ugualmente avere il diritto di veder riconosciuta la propria paternità. Non bisogna, quindi, privare il bambino di alcun genitore. L’FPD spinge, in questo modo, a prendere atto delle diverse situazioni familiari.

Leggi anche: Riprese di Matrix 4, Keanu Reeves a Berlino

Studia tedesco via Zoom/Skype con lezioni private o collettive, corsi da 45 ore collettivi (max 8 persone) a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Immagine di copertina: Pixabay

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *