Berlino, artista porta acqua di Neukölln al Gropius Bau per una mostra “sostenibile”

“Down to Earth”, l’esposizione al Gropius Bau di Berlino che esalta l’importanza di un futuro sostenibile

“Down to Earth” è una nuova mostra che riunisce artisti ed esperti di sostenibilità che lavorano dietro le quinte del progetto al Gropius Bau. I visitatori si ritrovano immersi in un ambiente naturale che mostra gli effetti dell’uomo sul mondo, degradato dalla plastica, mozziconi di sigarette e sporcizia. La prima stanza è dedicata ad un pozzo d’acqua, un’immagine d’effetto per chi visita dato che l’acqua è fortemente contaminata dal mondo esterno. L’acqua è stata raccolta dal quartiere berlinese Neukölln e disposta nelle diverse sale dall’artista Kirsten Pieroth. Il punto di partenza dell’esposizione è l’omonimo saggio di Bruno Latour, che mira a far riflettere e allo stesso tempo offrire gli strumenti per modificare il comportamento a favore della natura e di chi la abita.  La mostra dura dal 13 agosto al 13 settembre del 2020.

Le opere dell’esposizione

Dopo un impatto suggestivo con il pozzo d’acqua inquinata dal passaggio dell’uomo, gli spettatori si ritrovano catapultati in altri aspetti negativi del cambiamento climatico sull’ambiente. Nonostante sia stata progettata da più di un anno, la mostra contiene si riferisce agli effetti disastrosi del Covid sugli uomini, ma allo stesso tempo hanno permesso alla natura di respirare nuovamente. Infatti, un’intera stanza espositiva contiene un serpente di stoffa adagiato sul pavimento con diverse insenature che mostrano le popolazioni indigene di tutto il mondo, colpite duramente dalla pandemia. L’esposizione è senza nome e l’artista Joulia Strass per l’appunto appartiene ad una comunità indigena russa. Un’altra installazione mostra un carico di gomma affondato vicino l’isola dell’Indonesia Giava più di un secolo fa e si chiama “Malleble Regress”.  “Possibly the reality” è un’altra opera al centro di una grande stanza, che corrisponde ad una pietra stampata in 3D con le informazioni necessarie per stampare una pietra personalizzata.

La mostra offre una prospettiva diversa e nuovi spunti di riflessione sull’argomento

Il progetto di discorso “Down to Earth” esamina un sistema in cui le nostre azioni influiscono su molti altri aspetti: “la Terra con le sue mille pieghe”. Il clima è il più grande sistema sulla terra. Nonostante il riconoscimento da parte dell’opinione pubblica della necessità di cambiamenti nella politica climatica, le statistiche mostrano ancora che le emissioni di CO2 sono in aumento. Questi sono gli argomenti trattati nel saggio pubblicato dall’autore francese Bruno Latour nel 2018. Questo manifesto funge da punto di partenza per il programma Immersion di quest’anno. Bruno Latour afferma: “Se la composizione dell’aria che respiriamo dipende dagli esseri viventi, l’atmosfera non è più semplicemente l’ambiente in cui si trovano gli esseri viventi e in cui si evolvono; è, in parte, il risultato delle loro azioni.” È da questa prospettiva che il progetto “Down to Earth” dell’arte, del lavoro dal vivo e del discorso presenta pratiche artistiche e comportamenti alternativi che propongono un rapporto diverso con il mondo.

Down to Earth – Gropius Bau

Niederkirchnerstraße 7, 10963 Berlin, Germania

13 Agosto – 13 Settembre 2020

Sabato – Mercoledì dalle 10 alle 19

Giovedì e Venerdì dalle 10 alle 21

Prezzo: 15 euro – 10 euro ridotto

Leggi anche: Spectaculum, il festival medievale tedesco che da 25 anni attira persone da tutto il mondo

Studia tedesco via Zoom/Skype con lezioni private o collettive, corsi da 45 ore collettivi (max 8 persone) a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche suFacebook, Instagram e Twitter

Immagine di copertina: Screenshot di Youtube

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *