La Germania è stata nominata Paese più innovativo al mondo

Indice d’innovazione Bloomberg 2020: la Germania conquista il primo posto. Premiate la concentrazione di aziende ad alta tecnologia e l’attività brevettuale

L’indice annuale Bloomberg Innovation Index ha premiato la Germania per il 2020. É stata infatti pubblicata la classifica globale dei Paesi più innovativi stilata dalla multinazionale Bloomberg. Ad essere considerata è stata la capacità dell’economia di differenti nazioni di apportare innovazione all’interno delle stesse. Analizzando decine di criteri, la Germania ha raggiunto nel 2020 il primo posto superando la Corea del Sud e Singapore. In termini di innovazione, la Germania ha ottenuto i punteggi migliori rispetto la produzione a valore aggiunto, la concentrazione di aziende pubbliche ad alta tecnologia e l’attività brevettuale. Tuttavia, anche altri settori sono risultati rilevanti nel permettere alla Germania di aggiudicarsi la prima posizione. «Il settore manifatturiero è ancora altamente competitivo e fonte di innovazione», ha sottolineato Carsten Brzeski, capo economista di ING Germania. «La performance della Germania in questi indicatori è ancora forte e molto migliore di quanto la recente debolezza economica suggerirebbe». Attualmente leader nell’innovazione, in parte per la velocità con cui sviluppa nuove tecnologie, la Germania si conferma come esempio nel processo di sviluppo di idee e prodotti.

I fattori considerati

Nel realizzare la classifica, il Bloomberg Innovation Index ha preso in esame una serie di fattori che contribuiscono alla crescita di un’economia innovativa. Questi includono la spesa per la ricerca e lo sviluppo, l’efficienza dell’istruzione terziaria, la concentrazione dell’alta tecnologia, la produttività, l’attività brevettuale e molti altri. Nel valutare il grado di innovazione presente in un Paese ci si domanda ad esempio quale siano le nazioni che fanno un lavoro migliore per ottenere partenariati pubblico-privati di successo, gli sforzi posti in atto per incoraggiare l’innovazione e ciò che effettivamente rende, ad esempio la Germania, innovativa. Nel complesso, tutti questi fattori portano ad un punteggio che indica la capacità di un’economia di innovare.

Germania: dove migliorare

Nonostante i punteggi alti ottenuti nella produzione e nell’industria manifatturiera, in Germania ci sono ancora dei settori in cui è possibile migliorare in termini di innovazione. É il caso dell’approccio innovativo nel settore dei servizi. I dati in questo settore sono infatti meno impressionanti. Inoltre, circa un terzo della spesa per la ricerca e lo sviluppo confluiscono generalmente nell’industria automobilistica. Sebbene quest’ultima sia uno dei motori principali dell’economia tedesca, le recenti preoccupazioni per l’inquinamento e lo sviluppo sostenibile sommate ai conflitti commerciali possono rallentare questo settore e modificare il suo andamento. Infatti, si osserva come l’investimento di fondi per l’industria manifatturiera lasci il settore terziario un po’ da parte in un’economia che in realtà si sta orientando sempre più verso il settore dei servizi.

Qui di seguito la Top 10 dei Paesi più innovativi del 2020 secondo il Bloomberg Innovation Index:

  1. Germania (88,21 punti)
  2. Corea del Sud (88,16 punti)
  3. Singapore (87,01 punti)
  4. Svizzera (85,67 punti)
  5. Svezia (85,50 punti)
  6. Israele (85,03 punti)
  7. Finlandia (84,00 punti)
  8. Danimarca (83,22 punti)
  9. Stati Uniti (83,17 punti)
  10. Francia (82,75 punti)

Leggi anche: “Farnesina, pubblicato il bando per progetti in ambito di politica estera

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter!

Immagine di copertina: © CC0 – Pixabay

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *