Berlin Kidz: il gruppo di street artists più estremo della capitale

I Berlin Kidz sono gli autori delle scritte criptiche sulle facciate berlinesi. Un collettivo di street art estrema e non solo

Camminando per le strade di Berlino o viaggiando sulla S-Bahn, molto spesso si notano delle strane scritte in verticale sulle facciate dei palazzi. Molto spesso non si capisce il significato in quanto l’alfabeto che viene usato è complicato e molto elaborato. Non solo gli appassionati di street art si chiedono come facciano, infatti può venire il dubbio che si tratti di opere legali. Invece si tratta di operazioni non lecite che fanno parte della street art estrema. A compierle sono i Berlin Kidz, una crew berlinese con base a Kreuzberg. Sono una delle realtà più interessanti del writing europeo. Questi sono un gruppo di street artist, i quali praticano anche il parkour e il train surfing. Il loro coordinatore si chiama Paradox. Un’altra peculiarità della crew è il fatto che documentano ogni loro azione, questo li ha portati a farsi conoscere in rete anche in tutto il mondo.

Lo stile importato dal Brasile, il blu e il rosso a significare la libertà e il sangue

Il capo del gruppo Paradox ha importato lo stile Pichação direttamente dal Brasile intorno al 2011. Si tratta di un tipo di lettering criptico, arricchito spesso anche da forme di animali. I bersagli della crew sono spesso palazzi alti, nei quali si introducono per raggiungere il tetto. Da lì si calano con delle funi e scrivono in verticale dall’alto verso il basso. In alcuni casi si può vedere anche mentre scrivono sui balconi degli appartamenti. L’intento è quello della denuncia sociale. Spesso accostano due colori. Il blu simbolo della libertà e il rosso, che indica il sangue, oppure per dare una sensazione forte allo spettatore.

Palazzi alti 120 metri tra i loro bersagli

Il gruppo filma sempre le sue azioni, che sono raccolte in due film F### The System (2017) e Berlin Kidz (2014). Tra le più celebri delle loro opere, uno dei componenti ha scritto sullo Steglitzer Kreisel, un palazzo di 120 metri a Berlino. Oppure il campanile della chiesa cattolica di St. Bonifatius a Kreuzberg, motivo per cui hanno ricevuto molte critiche.

Leggi anche: “1up crew, forse il collettivo di writers più controverso d’Europa

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Picture: screenshot from Youtube 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *