https://www.youtube.com/watch?v=iy20JGJZUog

La Germania vara piano da 550 miliardi di € per aiutare aziende e lavoratori

Il Ministro delle finanze Scholz annuncia uno sforzo creditizio senza precedenti per fronteggiare l’emergeza virus

Venerdì 13 marzo, il governo tedesco ha annunciato credito “illimitato” per aiutare le aziende che verranno colpite dalla pandemia del Coronavirus, nell’ambito di un massiccio pacchetto di aiuti del valore di almeno mezzo miliardo di euro. La misura è senza precedenti: «Non c’è un limite massimo al credito che verrà offerto dalla Kreditanstalt für Wiederaufbau (lstituto di Credito per la Ricostruzione), questo è il messaggio più importante», ha detto il ministro delle Finanze Olaf Scholz. Le garanzie, l’equivalente di 614 miliardi di dollari, erano solo “per cominciare”, ha detto il ministro dell’Economia Peter Altmaier. «Abbiamo promesso che non falliremo per mancanza di denaro e di volontà politica». «Nessuna azienda sana, nessun lavoro dovrebbe trovarsi nei guai» ha concluso.

Altmaier: «Ricaricheremo le nostre armi se necessario»

I ministri hanno anche segnalato che Berlino ha abbastanza fondi per una lunga battaglia. «Se dura più a lungo, possiamo andare avanti più a lungo», ha detto Scholz. Il messaggio alle aziende è questo: «Si può essere coraggiosi, i rischi saranno gestiti da noi». Il pacchetto, anche nella sua prima fase, è superiore ai 500 miliardi di euro di aiuto che il governo tedesco aveva stanziato durante la crisi finanziaria del 2008. La cancelliera Angela Merkel ha promesso mercoledì di fare ciò che serve per domare la crisi del coronavirus, segnalando che era anche pronta a sospendere il dogma di mantenere il bilancio della Germania in pareggio. «È una situazione straordinaria, faremo ciò che è necessario e fortunatamente possiamo dire che la Germania è relativamente robusta… faremo tutto il possibile per superare questa situazione bene, e vedremo alla fine in che condizione si trova il nostro budget»
ha concuso la Cancelliera.

Fermare la crisi prima che sia troppo tardi

Nel momento in cui scriviamo, in Germania ci sono 3481 contagiati, di cui 8 morti. Con il crollo della domanda dall’estero, l’esportazione della più grande economia europea rischia di cadere bruscamente, gettando nel panico l’intero apparato industriale tedesco. Risulta fondamentale per Berlino un massiccio intervento pubblico in economia, nonostante la politica ordoliberista tedesca (ed europea) abbia sempre promosso l’atteggiamento opposto.L’aumento totale degli investimenti per un totale di 12,4 miliardi di euro sarà interamente finanziato dall’eccedenza di bilancio del 2019, che la coalizione aveva annunciato lunedì dopo i colloqui notturni. Il capo economista della Deka Bank Ulrich Kater ha detto che il pacchetto di garanzia è «tutto quello che serve al governo». «Come la BCE ha agito correttamente durante la crisi dell’eurozona, anche il governo sta facendo lo stesso nella crisi del virus», ha osservato, dicendo che le misure per aiutare particolarmente le piccole e medie imprese a superare la crisi sono «assolutamente sensate. Questa è solo la notizia che può fermare la spirale discendente».

Leggi anche: Berlino e quasi tutte le regioni tedesche chiudono scuole, asili, musei, teatri e biblioteche

 

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter!

Immagine di copertina: Pixabay

2 commenti

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] sui partner europei. Tant’è che, putacaso, la Germania, davanti all’emergenza sanitaria, dopo essersi assicurata un piano di emergenza di 550 miliardi di euro, per quanto riguarda gli altri, è riuscita a dare l’unica risposta che rientra pienamente nella […]

  2. […] sui partner europei. Tant’è che, putacaso, la Germania, davanti all’emergenza sanitaria, dopo essersi assicurata un piano di emergenza di 550 miliardi di euro, per quanto riguarda gli altri, è riuscita a dare l’unica risposta che rientra pienamente nella […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *