La Germania è preoccupata per i suoi asparagi bianchi

Quest’anno la Spargelzeit, la stagione degli asparagi bianchi amata in tutta la Germania, è in serio pericolo. A causa del Coronavirus un terzo della forza lavoro estera del settore agricolo non raggiungerà la Germania. A risentirne non sarà solo il raccolto di asparagi ma il raccolto dell’intero anno

Si avvicina la stagione preferita dei tedeschi, la Spargelzeit. Ovvero la stagione in cui gli asparagi bianchi iniziano a sbucare dal terreno. Ma quest’anno per gli agricoltori non si prospettano grandi feste, anzi, le grandi perdite di raccolto dando non poche preoccupazioni. L’emergenza Covid-19 sta rallentando, o addirittura impedendo, l’arrivo di centinaia di lavoratori stagionali, che di solito si recano in Germania in questo periodo dell’anno per aiutare con il raccolto. Le restrizioni su i viaggi fanno sì che molti ritardino alla frontiera, parzialmente chiusa lunedì scorso, o semplicemente non partano. Alcuni lavoratori hanno paura di recarsi in Germania, ormai considerata uno dei centri dell’epidemia europea, altri semplicemente non riescono a trovare un mezzo di trasporto. Le aziende agricole tedesche dipendono da circa 300.000 lavoratori stagionali stranieri ogni anno, che lavorano per circa 13-14 euro all’ora. Il problema che oggi riguarda i coltivatori di asparagi in futuro riguarderà l’intero sistema agricolo tedesco. Se i lavoratori stagionali non possono arrivare in Germania, non solo gli asparagi marciranno nel terreno, ma non ci saranno nemmeno fragole, verdure o foglie di insalata.

Gli agricoltori tedeschi sono sempre più preoccupati

Il presidente dell’associazione degli asparagi, Jürgen Jakobs, riceve cancellazioni ogni ora. Questo porterà alla mancanza di circa un terzo della forza lavoro degli agricoltori tedeschi. Per il momento nel Brandeburgo, dove erano attesi 2.300 lavoratori, ne è arrivato solo il 20%. Anche il presidente del gruppo di lavoro Spargel Südhessen, Rolf Meinhardt, ha espresso la sua preoccupazione: “è in primavera che vengono seminati i semi per i raccolti autunnali. Nessuno può affrontare un anno senza raccolto”. Mentre gli agricoltori cominciano a dar voce alle loro preoccupazioni, il ministro federale dell’agricoltura Julia Klöckner ha assicurato loro che il governo fornirà assistenza. Afferma: “Ciò che vale per i lavoratori autonomi e i lavoratori dipendenti vale anche per l’agricoltura”.

Le proposte del ministro federale dell’agricoltura per far fronte alla possibile crisi

Il ministro federale dell’agricoltura Klöckner ha già avanzato suggerimenti in merito. Uno sarebbe l’invito ai ristoratori di intervenire in aiuto del settore agricolo, visto che presto saranno senza lavoro. “Se quei lavoratori che purtroppo hanno sempre meno da fare nel settore della ristorazione, possono e vogliono entrare nel settore agricolo – anche noi dobbiamo prendere in considerazione una cosa del genere”, ha detto. Ma stando alle statistiche, lo scenario disegnato dalla ministra è alquanto improbabile. Quasi nessun tedesco si è impegnato nel raccolto negli ultimi anni.

Leggi anche: Bella Ciao, il bellissimo video in onore dell’Italia dai balconi di Bamberga “dai nostri amici tedeschi”

Studia tedesco via Skype con lezioni private o collettive, scrivi a info@berlinoschule.combanner scuola berlino schule

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter!

Immagine di copertina: Pixabay

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *