Johann Gutenberg e come si arrivò all’invenzione della stampa a caratteri mobili

Se oggi ci sembra banale poter stampare infiniti fogli in pochissimo tempo, non lo era altrettanto nel passato. Ma a chi dobbiamo la comodità di questo meccanismo?

L’inventore della prima macchina da stampa in Europa è stato il tedesco Johann Gutenberg, che con la prima stampa a caratteri mobili diede il via ad una delle più grandi e innovative rivoluzioni culturali della storia. Questa, infatti, è una delle invenzioni che segnarono il passaggio dall’era medievale all’era moderna. Prima di essa, era compito degli amanuensi scrivere e trascrivere libri a mano. Gutenberg nacque in una famiglia di patrizi (da parte del padre) e artigiani (da parte della madre) tra il 1393 ed il 1403 – sappiamo solo che un documento del 1420 lo attesta come maggiorenne – a Magonza, città in cui oggi è presente un museo dedicato a lui e alla sua scoperta. La stampa a caratteri mobili consiste nell’uso di cubetti di metallo sui quali in rilievo era posta a specchio una lettera dell’alfabeto. Per comporre le righe di un testo, i cubetti venivano posti l’uno accanto all’altro, ottenendo così una pagina in negativo su cui appoggiare il foglio. Si parla di caratteri mobili, poiché era possibile spostare a piacimento i cubetti riportanti le lettere.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by ReisenAKTUELL.COM (@reisenaktuell)

La gioventù e gli esperimenti a Strasburgo

A causa di alcune tensioni tra famiglie patrizie e artigiani, attorno al 1430 Gutenberg  si trasferì a Strasburgo. Lì lavorò come orafo, diventando Maestro e insegnando quest’arte ad alcuni apprendisti. È proprio a Strasburgo che Gutenberg iniziò a fare i primi esperimenti con i caratteri mobili. Questi esperimenti, però, furono tenuti segreti per varie ragioni. Innanzitutto per evitare che qualcuno gli rubasse l’idea, poiché non esistevano brevetti, ma anche per avere a disposizione i materiali che gli erano utili, senza correre il rischio che gli altri li esaurissero. Inoltre, dobbiamo tenere a mente il periodo in cui avvenne tutto ciò, un periodo in cui era molto comune il rischio di essere accusati di blasfemia, stregoneria e in seguito finire sul rogo. Per far sì che non venisse scoperto, creò un’organizzazione sotto il nome di “Enterprise with art”, utilizzando come copertura la produzione di specchi. Se a Strasburgo nacque l’idea e vennero fatti i primi  esperimenti, sarà a Magonza che Gutenberg riuscirà a portare a termine l’invenzione.

Gutenberg a Magonza e la stampa della Bibbia

Nel 1448 Gutenberg tornò nella sua città natale ed iniziò a cercare dei finanziatori per mettere a punto la sua invenzione. L’obiettivo era riuscire a stampare la Bibbia, il libro più letto dal popolo. Trovò il suo finanziatore nella figura di Johannes Fust e, dopo aver assunto 20 collaboratori, Gutenberg riuscì a portare a termine il suo obiettivo. Era il 1455. Vennero stampate 180 Bibbie, ognuna delle quali era divisa in due volumi rispettivamente di 322 e 319 fogli. L’inventore impiegò così tanto tempo perché non si poteva stampare più di una pagina al giorno. Oggi l’opera, conosciuta anche come “Bibbia di Gutenberg”, è Patrimonio dell’UNESCO.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by Roli So. (@roli_1_2_1_9)

Il processo e la morte

Tutto andava a gonfie vele per Gutenberg, finchè il suo stesso finanziatore decise di accusarlo di non aver pagato il prestito e di aver sperperato i soldi. In effetti, Gutenberg non riuscì a pagare la somma e perse il processo contro Fust. Come conseguenza, tutti i materiali, i macchinari e le i proventi delle vendite della Bibbia vennero dati a Fust. Ma non è finita qui. Fust e quello che doveva essere il nuovo collaboratore di Gutenberg, Schöffer, si allearono.  Fust e Schöffer continuarono a mettere a punto la stampa, riuscendo a migliorarne la tecnologia, aggiungendo anche i colori. Gutenberg ne uscì afflitto e sconfitto. Continuò comuqnue la sua attività, ma con scarsi risultati. La guerra civile a Magonza distrusse la città ed anche la tipografia di Gutenberg che trascorse gli ultimi anni della sua vita in una pensione offerta dal nuovo padrone di Magonza. Morì nel 1468.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by @realbio_ (@real.biografi)

La diffusione della stampa nel resto d’Europa

In pochi anni dalla pubblicazione della Bibbia di Gutenberg, le principali città europee si dotarono di officine di stampa. Nel 1480 in Germania e in Italia si contavano tipografie in 40 città, mentre, nel 1500, la tecnica si diffuse in 270 città europee. Venivano stampati libri di qualsiasi genere, dai libri di medicina, a quelli di diritto, a quelli sacri. L’invenzione di Gutenberg non è stata semplicemente tecnologica, grazie ad essa si avviò anche l’alfabetizzazione dei ceti meno abbienti in tutta Europa. Insieme ai libri, circolavano anche le idee e quindi il confronto di opinioni.

 

Leggi anche 10 invenzioni tedesche che ci hanno cambiato la vita

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *