Il Louvre di Abu Dhabi, tre ragioni per visitarlo

Perché il Louvre di Abu Dhabi merita di essere segnato sulla lista delle cose da fare quando si progetta un viaggio negli Emirati Arabi

L’otto novembre 2017, alla presenza del principe degli Emirati Mohammed bin Zayed Al Nahyan e del presidente francese Emmanuel Macron è stato inaugurato il Louvre di Abu Dhabi. Si tratta di un museo d’arte che si avvale della collaborazione (e del prestito di molte opere d’arte) del Louvre parigino. Da qui il nome. Fin dalla sua apertura è diventato una delle ragioni principali per una visita negli Emirati Arabi. Nella stessa area nei prossimi anni dovrebbero iniziare i lavori per la costruzione di altri quattro edifici dedicati all’arte: un Guggenheim (pensato da Frank Gehry), il Zayed National Museum (Norman Foster), un Performing Arts Center (dello studio Zaha Hadid) e il museo marittimo di Tadao Ando. Nell’attesa che si compiano, a bbiamo cercato di sintetizzare le tre ragioni principali per cui vale la pena visitare il Louvre di Abu Dhabi.

Louvre di Abu Dhabi, la costruzione

Firmato dall’architetto francese Jean Nouvel, il Louvre di Abu Dhabi è stati pensato : “Come una candida Medina sotto un cielo artificiale”. Si tratta in realtà di una cupola semifluttuante di 180 metri di diametro costruita da Waagner Biro, splendida sia dall’estero che una volta all’interno alzando lo sguardo verso l’alto quando si ha modo di notare le 7.850 stelle in alluminio di varie dimensioni che lo caratterizzano. Sotto il pianterreno vi è invece un seminterrato a tenuta stagna con diverse gallerie per dare l’illusione di un “museo nel mare”. Questa sorta di Museo dentro il mare (parole sempre dell’architetto) si compone di 55 edifici singoli ma collegati tra loro da 26 gallerie, compongono questa città museo.

Louvre di Abu Dhabi, la collezione

Il Museo esiste grazie ad collaborazione con la Francia, sia con l’omonimo Louvre parigino che con altri 12 musei transalpini (tra cui the il Pompidou, il Musée d’Orsay e il Palazzo di Versailles) che qui, fino al 2047, porteranno pezzi della loro collezione e offriranno consulenze per nuove acquisizioni. Le mostre temporanee sono quindi legate a doppio filo a questa partnership, anche se logicamente ci sono anche tanti reperti legati a questo storico territorio. All’entrata ad esempio vi è una splendida statua del Neolitico, una delle più antiche mai ritrovate e proveniente dalla Giordania.  Gli 8600 metri quadrati per le esposizioni si caratterizzano poi in 12 capitoli divisi cronologicamente e tematicamente. Si spazia dalle sculture (come quella di una principessa batteriana risalente al terzo millennio a.C., una fontana del primo periodo ottomano) ai testi sacri, passando per ceramiche,  dipinti (Paul Gauguin, René Magritte, Van Gogh, Claude Monet) fotografie (Joseph-Philibert Girault de Prangey, Roger Fenton, George Wilson Bridges) e installazioni artistiche. Insomma, ce n’è davvero per tutti i gusti. Non c’è invece il Salvador Mundi di Leonardo che, come hanno ammesso gli stessi Emirati Arabi, non si sa che fine abbia fatto dopo l’acquisto all’asta per la cifra record di 450 milioni.

View this post on Instagram

#DidYouKnow that learning any subject through art at a young age has many benefits? It strengthens creative and critical thinking, problem-solving skills, and it also helps children understand the wider world. Discover the story of humanity through art, and help your children make their own interpretations and stories around artworks in our collection. __ #هل_تعلم أن تعليم الفن للأطفال في سن مبكر يساهم في تنمية تفكيرهم الإبداعي ومهارات حل المشاكل والتفكير النقدي لديهم ويساعدهم على التواصل مع محيطهم على نطاق واسع؟ 🙌 اكتشف قصة الإنسانية مع عائلتك في المتحف واجعله يوماً لا يُنسى ✨

A post shared by Louvre Abu Dhabi (@louvreabudhabi) on

Louvre di Abu Dhabi, le mostre temporanee

Il museo ospita quattro mostre temporanee l’anno, spesso legate a doppio filo con i prestiti dai musei francesi di cui abbiamo accennato sopra. Dopo una serie di mostre sulla costruzione del museo stesso, il Louvre di Abu Dhabi ha deciso di alternare esposizioni di arte occidentale ad altre dedicate al suo territorio ricco di storia millenaria. E così, se da una parte ci sono le mostre dedicate a Rembrandt, Modigliani e Charlie Chaplin, dall’altra ecco quelle dedicate ai tesori archeologici dell’Arabia Saudita o ai cavalieri dell’antichità. Insomma tanto, moltissimo da vedere, ci vuole un’intera giornata di visita per vedere tutto (collezione fissa e mostre temporanee). Piccolo consiglio: acquistate i biglietti online in anticipo per evitare di avere sgradite sorprese (museo pieno) una volta arrivati.

Louvre Abu Dhabi

Saadiyat – Abu Dhabi – Emirati Arabi Uniti

dalle 10 alle 8 di sera dal sabato al mercoledì

dalle 10 alle 10 di sera giovedì e venerdì

prezzo biglietti 60 dirham (15 €) per il pass giornaliero acquistabili online qui 

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche suFacebook, Instagram e Twitter!

Photo Cover: © Francisco Anzola – The Louvre Abu Dhabi – CC 3.0 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *